sigarette

Un tic? Un gusto personale? Un modo per rilassarsi qualche minuto? Molto di più. Le sigarette elettroniche oggi stanno per trasformarsi in qualcos'altro: sono quasi paragonabili a farmaci. Lo rivelano alcuni studi molto recenti nel Regno Unito dove la ricerca sulle e-cig era già cominciata tempo fa. Mentre in Italia si navigava a vista tra dubbi e perchè, a Londra si è andati a fondo esaminando il prodotto e i suoi utilizzatori e giungendo alla conclusione che le sigarette elettroniche sono praticamente innocue. Visitando questa pagina potrai informarti adeguatamente su questo concetto che anche nel nostro Paese era sostenuto da tempo, ma senza prove concrete. Le prove arrivano oggi da oltremanica e promettono svolte interessanti. 

Le e cig sono praticamente innocue 

Forse dire "innocue" è troppo, ma di fatto le sigarette elettroniche, rispetto alle sigarette tradizionali, causano il 95 per cento in meno di conseguenze negative e zero dipendenza. Di base sono nate proprio per indurre i fumatori accaniti a smettere, o almeno a fumare di meno. Questi tubetti che si azionano elettricamente (alcuni anche meccanicamente) per bruciare liquidi aromatici e aspirarne il semplice vapore miravano a conservare "la ritualità" del fumo ma eliminando la tossicità delle combustioni di tabacco e chimici. 

In Italia si sono sollevati a lungo dei dubbi proprio sui liquidi. Saranno sicuri? Non sono altrettanto tossici? Ma la polemica ha dovuto arrendersi alla grande diffusione che le e-cig hanno avuto nel Paese. Aspirando i vapori non sembra si registrino, nel tempo finora trascorso, conseguenze per la salute. Anzi, se non ci si abitua al nuovo gusto, si arriva addirittura alla conclusione che è meglio smettere del tutto con ogni genere di sigaretta. La sigaretta elettronica, quindi dissuade dal vizio del fumo. 

Sigarette elettroniche come “farmaci” antifumo 

Con queste basi e questi risultati, il Regno Unito si appresta a varare leggi che porteranno la produzione di sigarette elettroniche ad essere equiparata a quella dei farmaci. E così anche la loro vendita. Diventeranno "medicine" a tutti gli effetti perchè saranno usate per curare la dipendenza da fumo, ma non solo. In alcuni casi, le e-cig aiutano a calmare l'ansia e il nervosismo, solo per il gesto rituale che si compie fumandole. Il cambiamento comporterà anche delle novità per i produttori e i commercianti. 

Chi produce sigarette elettroniche o i prodotti ad esse associati dovrà presentare i progetti alle case farmaceutiche e attendere un "via libera" dato da una commissione medica che poi deciderà se quel particolare tipo di e-cig necessiterà della prescrizione medica o sarà vendibile liberamente. Quelle da prescrizione medica saranno impiegate nelle terapie di disintossicazione da fumo e in altri tipi di cure, quelle che non rientreranno nella tipologia saranno vendute come prima liberamente nei vari negozi. 

Un cambiamento difficile 

Il procedimento inglese sarà comunque lungo, perchè si dovranno rivedere molti problemi legati alle licenze dei negozi e dei produttori. Nel Regno Unito diverse case di produzione delle sigarette di tabacco si stanno riconvertendo anche alle e-cig ma il dubbio sui prodotti che esse utilizzano è ancora fonte di dubbi e di studi. La proposta insomma è valida, ma lontana dal realizzarsi. 

Tuttavia, se funzionerà, potrebbe aprire la via anche a un cambiamento in Italia. Al momento da noi le sigarette elettroniche sono utilizzate come cure, ma in modo più sperimentale. Sono più viste come un prodotto per il relax, esattamente come le vere sigarette. La nostra legislazione in materia è ancor più confusa di quella inglese e dovremo sicuramente aspettare un po' di più prima di vedere una rivoluzione simile. Intanto però i benefici sono sotto gli occhi di tutti. 

I benefici delle e-cig anche in Italia 

L'uso delle sigarette elettroniche, sempre più diffuso tra i giovani, tiene lontani molti polmoni dal tabacco e dai suoi danni collaterali. I fumatori di lunga data che passano alle e-cig, smettono di cercare il tabacco e a volte smettono di fumare del tutto, posando anche i tubetti elettronici. In entrambi i casi non si registrano danni gravi alla salute. 

E ancora, i prodotti legati alle sigarette elettroniche, come i liquidi che si possono acquistare su Terpy o altri siti specializzati, o i bruciatori, non sono più sotto esame perchè comunque si notano i cambiamenti in meglio di chi utilizza queste sigarette. Il cammino verso un riconoscimento pieno di questo metodo di "fumo" è sempre più spedito e anche da noi si sente che il cambiamento è vicino.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.