cagliari

Il campionato di Serie A è cominciato da quasi 2 mesi, ormai. Se in vetta alla classifica non ci sono state grandissime sorprese, al di là del primato solitario del Napoli, in fondo alla graduatoria troviamo attualmente molte delle formazioni che sulla carta vantano il minor tasso tecnico nella massima divisione. Venezia, Salernitana e Spezia hanno palesato da subito i loro limiti, ma anche Genoa e Sampdoria rischiano di rimanere invischiate nella lotta per la salvezza. Tutte queste squadre hanno ottenuto solo una vittoria finora. L’unica compagine che è rimasta ancora a secco di successi è, a sorpresa, il Cagliari.

I sardi non hanno mai messo nel mirino l’Europa in questi anni, ma sono riusciti comunque a distinguersi grazie ai guizzi di singoli elementi di tutto rispetto. La rosa dei rossoblù non è certo meritevole della retrocessione. Seppur rimasto orfano di un centrocampista d’esperienza come Nainggolan, l’organico del Cagliari annovera ancora oggi giocatori che hanno militato nelle migliori squadre del “Vecchio Continente” o sono nel giro delle rispettive nazionali. In porta Cragno sta dimostrando già da anni una buona affidabilità, in difesa bastano i nomi di Godin e Caceres per comprendere la caratura della retroguardia, mentre a centrocampo spiccano due ex di Napoli e Roma, Marko Rog e Kevin Strootman, oltre che Nahitan Nandez.

In avanti il fiore all’occhiello è indubbiamente Joao Pedro. Il brasiliano è diventato quasi una sentenza ed è anche un valido rigorista. In attesa che Pavoletti torni a dare il meglio di sé, non si può comunque dire che l’attacco del Cagliari sia scarno. Tuttavia, ad oggi i sardi hanno realizzato solo 8 gol, subendone il doppio. Il campionato era iniziato con un 2-2 casalingo contro lo Spezia, un pari al quale sono seguite però 2 sconfitte contro Milan e Genoa, che hanno portato a un cambio repentino di guida tecnica in panchina.

Congedato Leonardo Semplici, è arrivato Walter Mazzarri a tentare l’impresa della salvezza, ormai divenuta il principale obiettivo stagionale. La vasta offerta di scommesse sul calcio ha già individuato anche il Cagliari tra le squadre a rischio, con maggiori probabilità di retrocedere nella serie cadetta. Il mister si era presentato bene pareggiando in casa della Lazio, pur non avendo avuto molti giorni a disposizione per approcciare con la squadra. Il turno infrasettimanale ravvicinato ha tuttavia guastato i piani dell’allenatore, che nel giro di tre giorni ha perso sia con l’Empoli sia con il suo ex Napoli. Nell’ultima partita precedente alla sosta di ottobre, invece, il Cagliari non è andato oltre l’1-1 con il Venezia, peraltro tra le mura amiche. Nemmeno contro le formazioni medio-piccole i sardi sono riusciti a togliersi soddisfazioni.

Chissà che questo lungo stop non porti nuova linfa alla banda di Mazzarri… Non è ancora chiaro se il problema sia di testa o di condizione fisica, ma al rientro bisognerà ospitare la Sampdoria nel “lunch match” della domenica, poi bisognerà volare a Firenze per una delle trasferte peggiori che potessero capitare in questo momento. Il mese di ottobre si chiuderà affrontando prima la Roma in un nuovo turno infrasettimanale e dunque il Bologna. Il Cagliari è fanalino di coda e rischia davvero grosso. Neanche lo stesso Mazzarri ha il posto garantito.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.