Nel corso della nostra vita possono sorgere diversi problemi alla bocca e ai denti, uno dei più comuni può essere la malocclusione dentale, che non è altro che un difetto della chiusura tra denti e mandibole. Non è tra le condizioni più gravi, ma può comportare molto fastidio; si parla di chiusura errata della mandibola quando i denti superiori non si chiudono in modo allineato con i denti dell'arcata inferiore.

Malocclusione cause e sintomi

Questo fastidio può essere di tipo genetico ma può dipendere anche da atteggiamenti sbagliati che spesso si attuano nel corso della giornata e che a lungo andare diventano delle vere e proprie abitudini. La malocclusione dentale può derivare anche dall'abitudine del bimbo di succhiarsi il pollice, oppure dall'utilizzare il ciuccio per molto tempo; può essere la conseguenza di un impianto dentistico andato a male, di una frattura della mandibola, di artrite e bruxismo, la tendenza a stringere i denti soprattutto di notte svolgendo azioni non controllabili.
La malocclusione può essere anche una conseguenza che deriva dalla presenza di altre malattie, come ad esempio: labbro leporino, morbo di cooley e trisomia 13. Prima di autodiagnosticarsi qualsiasi tipologia di malattia è altamente consigliato consultare un medico professionista, in quanto può essere dannoso per la salute.
A seconda della gravità dipendono i sintomi che possono essere riscontrati, in ogni caso i sintomi possono essere: 

  • tosse;
  • raffreddore;
  • disturbi nel pronunciare alcune lettere;
  • problemi di masticazione;
  • avulsioni dentali;
  • carie;
  • mal di testa e perdita dell'equilibrio;
  • disturbi estetici che possono essere molto fastidiosi nella società di oggi in cui viene data molta importanza all'aspetto fisico;
  • disturbi alla colonna vertebrale e torcicollo. 

Malocclusione diagnosi

Che si tratti di una malocclusione grave o lieve, si può individuare facilmente; molte volte la diagnosi di un esperto viene basata semplicemente guardando, ma in ogni caso per esserne certi occorre effettuare una radiografia o un calco in gesso di entrambe le arcate dentarie e può essere utile anche per la produzione di un apparecchio specifico per la malocclusione.

L'ansia e lo stress possono incidere sulla malocclusione dentale?

Lo stress può incidere, secondo recenti studi è stato dimostrato come negli adulti lo stress e la tensione accumulati possono aumentare il disturbo di maloccusione dentale, quindi, prima di agire attraverso trattamenti dentistici bisogna attuare esercizi per diminuire lo stress, ad esempio: 

  • trovare del tempo per se stessi, dopo giornate faticose avere 10 minuti di relax totale può essere molto benefico per la mente, si potrebbero provare anche esercizi di respirazione o una tisana calda per rilassarsi;
  • evitare caffè, bevande energetiche e cellulare prima di andare a letto, la luce accesa dei dispositivi o la caffeina potrebbero essere motivi di stress, bisogna evitarli almeno un paio di ore prima di andare a letto;
  • andare all'origine del problema, bisogna cercare di trovare il problema che crea stress e nervosismo e lavorare su di esso;
  • ambiente confortevole, una stanza al buio e silenziosa, unita al bite dentale può essere molto terapeutico e crea un giusto stato per poter alzarsi carichi al mattino;
  • consapevolezza, essere sintonizzati col proprio corpo è importante e sapere di avere un problema può essere il primo passo verso la ricerca della soluzione più giusta. 

Come prevenire la malocclusione dentale

Prevenire il disturbo può risultare difficile se può dipendere da un fattore ereditario. Ma quello che i genitori possono fare è limitare l'utilizzo del ciuccio e del biberon, cosa che può favorire lo sviluppo della mandibola in modo positivo. La diagnosi anticipata fin dall'infanzia può aiutare a ridurre la gravità del trattamento necessario per correggere il problema.

Come risolvere una malocclusione dentale

Il trattamento per la malocclusione non è mai breve, il più delle volte può durare anni ma dipende dalla gravità della situazione.
Se si ha una malocclusione lieve potrebbe non essere necessario l'utilizzo di trattamenti specifici, ma per evitare che si aggravi viene proposta una cura con un apparecchio chiamato bite, oppure potrebbe essere necessario rimuovere i denti del giudizio.
Nei casi medio gravi si può applicare un apparecchio fisso, da portare alcuni mesi o qualche anno, ma la cosa fondamentale è che alla fine del trattamento il problema sarà del tutto risolto.
In casi gravi dove l'applicazione di apparecchi dentistici non aiuta il paziente, si può ricorrere anche ad un intervento chirurgico per correggere la malocclusione. Quando viene diagnosticato questo disturbo non bisogna allarmarsi, in quanto se curato subito non comporta ulteriori fastidi, ma è essenziale farlo al più presto.
Tuttavia su questo autorevole sito dentale gestito da esperti del settore, nelle varie sezioni dedicate, è possibile trovare ulteriori informazioni che riguardano la malocclusione dentale, le soluzioni, i rimedi, tutti gli apparecchi che possono essere utilizzati e molto altro ancora.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.