La storia della creazione di bitcoin ha una leggenda. La questione delle criptovalute è, per il grande pubblico, ancora misteriosa, così come i metodi per acquistare, rivendere e convertirla nella valuta corrente. Nonostante questo uso speculativo, tuttavia, le valute virtuali non possono essere equiparate a strumenti finanziari puri né molto meno, sebbene possano essere utilizzate anche per effettuare pagamenti, in valuta a corso legale. Il Parlamento europeo si è concentrato sui rischi e sulle opportunità delle valute virtuali con la risoluzione del 26 maggio 2016. In ogni caso, la valuta virtuale dimostra la forza aggregativa della valuta.

Valute virtuali: una breve storia

Nonostante sia stata generata di recente, l'origine delle criptovalute è già avvolta da narrazioni leggendarie. Si dice che il suo creatore sia un certo Satoshi Nakamoto, che ha inventato la prima e più famosa criptovaluta: il bitcoin. Era l'anno 2008. Il 31 ottobre (poco più di un mese dopo il fallimento di Lehman Brothers) Nakamoto ha annunciato il suo programma: creare un sistema monetario elettronico utilizzando la rete peer-to-peer (p2p), ovvero una parità di rete in cui ciascun terminale è client e server (processore e controller) allo stesso tempo, sfrutta la tecnologia dei registri condivisi (DLT), ovvero la blockchain, per impedire la copia della valuta.

Più tardi nel 2009, per essere precisi il 3 gennaio, è stato creato il primo "blocco" da cui si svilupperà la blockchain bitcoin: il blocco è, come si dice, "estratto". Il blocco successivo registra la prima transazione bitcoin tra Nakamoto e Finney (un attivista crittografico). Più tardi il padre delle criptovalute (forse identificabile con un certo Craig Wright) estrasse (cioè "creò") un milione di bitcoin.

Il suo lavoro è stato continuato dai cosiddetti "minatori", minatori che, attraverso operazioni molto complicate, che sono gestite da terminali estremamente performanti (e che richiedono una notevole quantità di energia), possono "minare", infatti, nuovi bitcoin. Cioè, possono decrittografare la stringa (l'algoritmo) di un blocco, che contiene una certa quantità di criptovalute assegnate al minatore come "premio". Questa quantità viene dimezzata ogni 4 anni: dai 50 iniziali è passata agli attuali 12,5. La decrittografia è necessaria per l'aggiornamento delle transazioni: i minatori, in questo modo, si occupano, oltre all'emissione di nuovi bitcoin, di garantire l'autenticità e la regolarità di ogni operazione (senza la necessità di un'autorità centrale, come, ad esempio, una banca).

Tuttavia, l'emissione di nuovi "soldi" è limitata: non può superare i 21 milioni di unità (attualmente dovrebbe essere di circa 17 milioni di unità). Quando viene raggiunta la soglia di unità predeterminata, il bitcoin evolution registrazione stesso fornirà le valute necessarie per remunerare i minatori.

Ma quanto valgono i bitcoin?

È la risposta a questa domanda che li ha resi sempre più famosi e ha assicurato che anche gli Stati fossero interessati a loro. Se nel 2010 sono stati acquistati 1.309 bitcoin con un dollaro, nel 2017 il rapporto si era più che invertito: 1 bitcoin valeva più di 10.000 dollari. All'inizio del 2018 quasi 20.000. Questa crescita vertiginosa è stata anche aiutata dalla valuta virtuale Tether, che è ancorata con un tasso di cambio fisso a una valuta corrente, negoziata sul mercato FOREX. È una moneta stabile (l'unica a suo tempo, che è stata affiancata da altri) che ti consente di evitare la più grande difficoltà del mercato virtuale in questione: la conversione della valuta digitale (da non confondere con la moneta elettronica di Reg. 2009/110 / CE e decreto legislativo n. 385/1993, articoli 114-bis e seguenti) nella valuta corrente.

Il Tether rappresentava un elemento di crescita della fiducia come stabilizzatore del mercato, ma la bolla era destinata a esplodere, come infatti avvenne. E forse è scoppiato anche a causa di un calo, in effetti, della fiducia degli investitori: all'inizio dello stesso anno, infatti, attraverso un attacco informatico, è stato compiuto un furto storico dell'equivalente di 530 milioni di dollari contro la piattaforma giapponese Coin check. Sempre in Italia, nello stesso periodo, la piattaforma Bit Grail ha subito un furto di 195 milioni di dollari.

Visita il sito Web per saperne di più su Bitcoin e sui suoi vantaggi. Scegli il tuo fornitore di servizi con attenzione.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.