Cabras

L’assessore Giordano: “Affollamento a Maimoni, le altre sono spesso vuote”

Bastano quattro aree destinate ai cani lungo i trenta chilometri di costa del Sinis che appartengono al Comune di Cabras? No, non bastano, secondo alcuni proprietari che vorrebbero portare il proprio cane al mare.

Le aree aperte agli amici a quattro zampe sono a San Giovanni di Sinis, sotto la torre, a Porto Suedda, a Maimoni e l’ultima – aperta quest’anno – a Funtana Meiga. Però a Maimoni, secondo le segnalazioni di alcuni residenti di Cabras – è stata ridotta la superfice, portandola a meno di cento metri lineari per la profondità della spiaggia.

“Con le immense spiagge che abbiamo nel Sinis, avrebbero potuto destinare superfici anche più ampie”, dice il proprietario di un cane che ama correre sulla sabbia. “A Maimoni la situazione è peggiorata, è stato ridotto lo spazio ed hanno disseminato di divieti di sosta l’unica strada che ci consentiva di arrivare sino all’area cani. Ora dobbiamo percorrere a piedi oltre 400 metri sotto il sole cocente, dai parcheggi a pagamento. Visto che in certi orari lo sterrato è rovente, bisogna prendere in braccio il cane. E magari fare avanti e indietro per recuperare anche sdraio e ombrellone da piantare in spiaggia”.

Spiagge Cabras
La mappa preparata dal proprietario di un cane per spiegare le difficoltà nel raggiungere il tratto di spiaggia riservata, a Maimoni

I problemi non finiscono lì: “In certi giorni siamo praticamente ammassati come bestie e i nostri cani sono costretti a trascorrere quelle poche di svago in un fazzoletto di sabbia, decisamente insufficiente”.

“Conosco dei turisti amanti degli animali che rinunciano a trascorrere le vacanze dalle nostre parti proprio perché questo servizio è carente”, prosegue l’autore dello sfogo. “Gli amministratori di Cabras dovrebbero prendere esempio sia dall’estero che da altre località italiane, per vedere come si attrezza una vera area cani”.

Spiagge Cabras e divieti
La polizia locale nei giorni scorsi ha multato le auto in sosta lungo la strada che porta al tratto della spiaggia di Maimoni accessibile ai cani

In municipio gli amministratori conoscono bene il problema. “Confermo che abbiamo ricevuto lamentale: sia dai proprietari dei cani sia dai bagnanti”, dice l’assessore comunale dei Lavori pubblici, Enrico Giordano. “I primi si lamentano perché secondo loro gli spazi non sono sufficienti. Gli altri accusano i cani di sconfinare nel resto della spiaggia. Credo che ci debba essere un comportamento equilibrato da ambo le parti”.

“Lungo le nostre coste abbiamo realizzato quattro aree destinati ai cani, l’ultima per tempo a Funtana Meiga. Sono tutte in splendide spiagge, ma alcune spesso restano vuote”, osserva ancora l’assessore. “Non è pensabile che tutti i bagnanti con cani al seguito vadano nella stessa spiaggia. Quella di Maimoni forse è la più apprezzata ed ha una superficie di circa 800 metri quadrati: non è poco. Ma anche nelle altre si sta bene”.

Chiusura con un appello e un’apertura per il futuro: “Spero nella collaborazione di tutti”, dice Enrico Giordano. “Vedremo se per la prossima stagione si potrà trovare il modo di ampliare qualche superficie tra le zone accessibili ai cani”.

Giovedì, 11 agosto 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.