Zone economiche speciali in ritardo anche a Oristano: “Colpa della Regione”
Risposta del governo all’interrogazione di Scanu e Marino (M5S)

II porto di Oristano

Sono state le procedure per l’istituzione della zona franca integrale portate avanti dalla Regione Sardegna a bloccare l’iter di istituzione delle zone economiche speciali. E’ quanto è emerso durate la seduta della Camera di venerdì 12 marzo in risposta all’interpellanza urgente presentata da Lucia Scanu, portavoce del MoVimento 5 Stelle e discussa in Aula dalla stessa e da Nardo Marino, deputato del MoviMento 5 Stelle e membro della Commissione Trasporti.

Nell’atto è stato chiesto ai ministeri competenti (per il Sud e la Coesione Territoriale, Infrastrutture e Trasporti, Economia e Finanze) di fare chiarezza sull’iter di perfezionamento dell’istituzione delle Zone Economiche Speciali (ZES) in Sardegna al fine di renderle pienamente operative.
E’ stata la sottosegretaria Dalila Nesci ad illustrare le problematiche che hanno bloccato il percorso di istituzione delle ZES e i nodi che restano da sciogliere e per i quali si attende una risposta compiuta da parte della Regione Sardegna.

In Aula è emerso che il rallentamento dell’iter di costituzione delle ZES è stato causato da un procedimento confusionario avviato dalla Regione Sardegna”, fa sapere la deputata Lucia Scanu. “L’amministrazione regionale infatti, anziché rispondere alla richiesta di integrazioni del Ministero dell’Economia aventi ad oggetto l’iter di costituzione delle ZES, ha avanzato la proposta di istituzione della zona franca integrale”.

Secondo la parlamentare, in sostanza, la mancata risposta della Regione alle integrazioni richieste ha bloccato il procedimento di costituzione delle zone economiche speciali il cui iter di realizzazione è differente rispetto a quello di attivazione della zona franca integrale.

“Solo grazie a questa interpellanza “, ha commentato ancora Lucia Scanu, insieme al collega di gruppo Nardo Marino, “abbiamo appreso del parere contrario espresso nel 2019 dal ministero dell’Economia. Il progetto inviato dalla Regione Sardegna non rispettava alcuni aspetti inerenti alla fiscalità ed il diritto doganale, rendendo di fatto l’iter dell’istituzione della Zes Sardegna ben lontano dall’essere perfezionato. Di fatto, la posizione della Regione Sardegnaha bloccato il possibile sviluppo economico nelle zone portuali, alcune di queste gravate da una crisi decennale causata da discutibili politiche industriali”.

Lucia Scanu

“La risposta della Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Dalila Nesci ci lascia soddisfatti”, hanno dichiarato i due parlamentari M5S. “Cercheremo ancora di fare chiarezza sui ritardi che si sono verificati sulla ZES sarda, in particolare sulle questioni legate alla fiscalità e al diritto doganale che hanno portato il Ministero dell’Economia e delle Finanze a esprimersi con parere negativo nel novembre 2019”.

Secondo di due parlamentari, la situazione attualmente è ferma e la ZES rappresenta un’occasione da non perdere per l’economia della Sardegna.

Le aree destinate a rientrare nella ZES ricadono sul perimetro costiero, integrate con le zone franche doganali intercluse già in attivazione.
Le ZES toccano i principali scali marittimi isolani: Cagliari, Portovesme, Olbia, Oristano, Arbatax, Porto Torres.

Le aree portuali, retroportuali, anche di carattere produttivo e aeroportuale, piattaforme logistiche e interposti, sono pronte ad operare in regime di Zona Economica Speciale. L’elaborazione della proposta di Piano di Sviluppo Strategico ha visto una intensa attività di raccordo e di collaborazione tra tutte i soggetti istituzionali interessati.

Venerdì, 12 marzo 2021

L'articolo Zone economiche speciali in ritardo anche a Oristano: “Colpa della Regione” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.