Sardegna in zona rossa? A Radio CASTEDDU, il Presidente della Commissione Regionale Sanità Domenico Gallus: “Si parla di un dato che sembra essere, dalle anticipazioni che ha la Regione, superiore al limite di 1,25.Sembra che questo dato sia confermato ma bisognerà aspettare a domani, sperando in un miracolo che non so se si potrà verificare. Ancora non c’è una comunicazione ufficiale, è domani che si saprà: altre volte siamo stati smentiti al contrario, questa volta speriamo di esserlo pensando in modo pessimistico”.Una probabilità che sarebbe drammatica per le tante attività già stremate “ma questo indice ci fa capire che probabilmente non abbiamo ancora capito di cosa stiamo parlando, perché purtroppo il virus non bussa a casa nostra e, sicuramente, non si fa strada attraverso le mascherine. Siamo al dramma totale, alla morte economica di chissà quante altre aziende: stiamo parlando della zona rossa che, se verrà confermata, da lunedì saranno almeno due settimane che possono diventare letali per tante aziende”.Risentite qui l’intervista a Domenico Gallus del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/155277346486854/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.