Zero morti a Londra, la prima volta dopo sei mesi: altro che Italia, in soli sei mesi vaccinati in trenta milioni. Via libera a un ampliamento dei contatti sociali e alla ripresa di attività sportive individuali all’aperto. Vaccinate 30milioni di persone con la prima dose: traguardo in soli 3 mesi. “E’ un traguardo fantastico“, ha commentato un medico, citato dal Guardian. Ma, ha avvertito, “siamo molto lontani dal tornare alla normalità”. Londra rappresenta il 12% di tutti i decessi per Coronavirus in Gran Bretagna ed è stata l’epicentro della prima ondata della pandemia lo scorso anno. Al culmine della crisi di Covid, lo scorso aprile, nella capitale si erano registrati circa 230 decessi al giorno. Ma oggi è un giorno di svolta per tutto il Regno Unito, che si appresta a uscire dal lockdown: il governo di Boris Johnson, infatti, punta ad un allentamento delle restrizioni non veloce “ma irreversibile”, come ha ribadito il ministro della Sanità, Matt Hancock. Il nuovo piccolo passo verso le riaperture per ora si limita al via libera a un ampliamento dei contatti sociali da un massimo di due persone non conviventi fino a sei (di non più di due nuclei familiari diversi) e alla ripresa di attività sportive individuali all’aperto tipo tennis o golf, come spiega il nostro giornale partner Quotidiano Nazionale.

L'articolo Zero morti a Londra, la prima volta dopo sei mesi: altro che Italia, in soli sei mesi vaccinati in trenta milioni proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.