A Radio CASTEDDU Nadia  Schiavi è una delle tante mamme che non può vedere i propri figli: “Si ci può spostare solo per motivi di salute, lavoro estrema necessità: questo fa sì che io non posso vedere le mie figlie che abitano a Verona, Norimberga e Berlino. Sono tantissimi i figli che dalla Sardegna sono emigrati in Italia o all’estero per lavorare. Oggi sono venuta a conoscenza di una crociera che fa la tratta Genova-Civitavecchia-Napoli-Cagliari-Malta e poi ritorna a Genova. Le persone tranquillamente possono andare in crociera in tutte queste mete, si sottopongono a un tampone prima di salire e l’altro dopo 4 giorni. Io questo problema l’avevo già sollevato quando avevo visto la nave da crociera nel porto di Cagliari e mi domando: se le regioni sono chiuse perché queste navi possono attraccare in più località? I passeggeri possono scendere solo ed esclusivamente con le guide che li accompagnano presso i luoghi più suggestivi della città. Hanno un braccialetto elettronico e non possono assolutamente entrare nei negozi per fare acquisti. Queste persone, quindi, al turismo non portano assolutamente nulla, venerdì, tra l’altro sbarcheranno in 2 mila e penso che in questo momento sia solo un rischio”.Risentite qui l’intervista a Nadia Schiavi di Paolo Rapeanu e Gigi Garau https://www.facebook.com/castedduonline/videos/288916762826259/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.