Virus in Sardegna, boom di ricoveri e due morti nel Sud Sardegna: peggiora la situazione negli ospedali. Oggi 675 contagi nell’Isola ma con un quarto dei tamponi di due giorni fa, ben 17 ricoveri in più rispetto a 24 ore fa e altri due pazienti gravi in terapia intensiva. Oltre seicento persone in più finiscono in isolamento domiciliare, superando quota novemila. Muoiono un 68enne e un 72enne nel Sud Sardegna. Il tasso di positività in Sardegna schizza al dodici per cento.

In Sardegna si registrano oggi 675 ulteriori casi confermati di positività al COVID, sulla base di 3047 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 5538  tamponi.

I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 17 ( 2 in più di ieri).

I pazienti ricoverati in area medica sono 159 (17 in più di ieri).

9116 sono i casi di isolamento domiciliare ( 611 in più di ieri).

Si registra il decesso di 2 pazienti: un uomo di 68 anni e uno di 72, entrambi residenti nella provincia del Sud Sardegna.

L'articolo Virus in Sardegna, boom di ricoveri e due morti nel Sud Sardegna: peggiora la situazione negli ospedali proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.