Le occasioni di socialità? “Impossibile consentirle, siamo in piena seconda ondata”. A dirlo è il premier Giuseppe Conte a “Otto e mezzo” su La7. Il piano per la “stretta” sul Natale va avanti: “A dicembre non avremo più zone rosse ma gialle o arancioni”, esordisce Conte. Ovviamente, solo se la curva dei contagi non tornerà a salire. E per Natale arriva il possibile allungamento degli orari per i negozi, in modo da non far soffrire i commercianti, ma per le feste ci saranno limitazioni: “Occorrono misure ad hoc, non ci posiamo permettere come a Ferragosto. Nel periodo estivo la curva era vicina allo zero, ora siamo ancora in piena seconda ondata. Consentire occasioni di socialità non è possibile, non ce lo possiamo permettere”. E le vacanze sulla neve? “Sono difficilmwnte controllabili, ho già sentito Merkel e Macron per un coordinamento europeo, non ci possiamo concedere vacanze indiscriminate sulla neve”.

 

 

 

 

E, tornando al Natale, il premier è netto: niente “tombolate e festini. Ci saranno limitazioni per i ristoranti, vogliamo favorire le aperture allungate dei negozi perché così si evitano assembramenti e sarà possibile fare lo scambio dei doni”.

L'articolo Virus, Conte prepara la “stretta” sul Natale: “Misure ad hoc, niente tombolate e festini” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.