Una ragazza di 15 anni è stata violentata da tre coetanei. Erano tutti ubriachi, vittima e carnefici, dopo aver bevuto vodka per tutta la mattina: arrivati a scuola, non sono entrati per uno sciopero. Hanno così pensato bene di organizzare un festino a casa di uno del gruppo, hanno comprato vodka e se la sono scolata bevendo per tutta la mattina. Proprio in quelle ore si sarebbe consumato lo stupro. La ragazza che ha denunciato si è risvegliata intorno alle 15 e, dopo aver capito cosa e ricordato cosa era successo, ha chiamato sua sorella perché la accompagnasse a sporgere denuncia. E’ accaduto a Reggio Emilia: il ragazzino, che è stato arrestato e si trova ai domiciliari, ha ammesso di aver avuto un rapporto sessuale con la ragazza ma, a suo dire, consenziente. “Il giudice ha accolto la richiesta dell’arresto perché l’accusa è di aver approfittato della sua condizione di alterazione tale da compromettere la capacità di esprimere un valido consenso: il ragazzo avrebbe male interpretato il consenso della 15enne, che era viziato dal fatto di essere ubriaca”, spiega a LaPresse l’avvocato del giovane, Giacomo Fornaciari, sottolineando che ci sono diversi aspetti della vicenda ancora da chiarire.

Gli altri due 15enni sono indagati per fare chiarezza sul ruolo che hanno avuto nella vicenda. E intanto spuntano le chat fra i tre: “Fra, siamo nella m….”, si legge in uno dei messaggi che si sono scambiati dopo la denuncia.

L'articolo Violentata a 15 anni tre coetanei, erano tutti ubriachi proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.