Convogli ferroviari insufficienti, utenti costretti a viaggiare letteralmente accalcati o, addirittura, a rimanere a terra. Il sindaco di Villasor Massimo Pinna: “A tutela del diritto allo studio dei nostri ragazzi e quella del lavoro dei nostri concittadini, ho scritto a TRENITALIA e all’Assessore Regionale ai Trasporti affinche’ venga assicurato un efficiente servizio pubblico di trasporto in sicurezza, chiedendo di potenziare il servizio vista l’inadeguatezza dei convogli a disposizione in rapporto al numero degli utenti”.

La segnalazione parte da diversi cittadini, lavoratori e studenti pendolari che sottolineano che la situazione del servizio di trasporto ferroviario è diventata critica in concomitanza dell’arrivo dell’anno scolastico. In particolare è stata lamentata  l’inadeguatezza dei convogli a disposizione in relazione al numero degli utenti del servizio, “costretti a viaggiare letteralmente accalcati in evidente violazione di tutte le normative anti covid o addirittura costretti, in alcuni casi, a rimanere a terra”. I disagi si verificano perlopiù in riferimento alle corse delle ore 7:05 e delle 7:30. Considerato “il perdurare dell’emergenza sanitaria e al fine di assicurare un efficiente servizio pubblico di trasporto e in sicurezza – si legge nella nota indirizzata dal primo cittadino – si chiede cortesemente voler intervenire in merito, valutando l’opportunità  necessità, di potenziare il servizio nei modi che la società ritenga più opportuno è efficace”.

L'articolo Villasor, sui treni stretti come sardine: “Costretti a viaggiare letteralmente accalcati” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.