Si chiamava Roberto Usai e aveva appena 22 anni, il giovane morto poco dopo l’alba in un cantiere nelle campagne di Predda Niedda. Un incidente mortale, l’ennesimo sul lavoro, ancora tutto da chiarire: i carabinieri della compagnia di Isili sono ancora all’opera e stanno ascoltando anche gli altri lavoratori e i testimoni presenti al momento del dramma. Usai si trovava a bordo di un macchinario, stando alle primissime informazioni. L’arrivo dei soccorritori del 118 è stato, purtroppo, inutile. Il Comune guidato dal sindaco Alberto Loddo ha proclamato il lutto cittadino, tutta la comunità di Villanova Tulo è sconvolta per la drammatica scomparsa di un giovane molto conosciuto in paese. Quando non lavorava, Roberto Usai giocava a calcio in una squadra di terza categoria del paese e faceva parte del gruppo folk di Villanova Tulo: “Un ragazzo benvoluto da tutti, siamo vicini alla sua famiglia, stimatissima. È una tragedia che colpisce tutti quanti”, dice il sindaco Loddo. “Oggi è lutto cittadino, sarà lo stesso il giorno del funerale”.Roberto Usai lascia una sorella più grande, di ventotto anni, oltre al padre, Marino, lavoratore nell’agenzia Forestas, e la madre, casalinga.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.