Il rombo – meglio, le sgasate – dei motorini e degli scooter ci sono stati, alla fine. Un “rumore” per coprire anche i singhiozzi e l’incredulità dei tanti amici e conoscenti di Steven Carbini, 18 anni, e Angelica Lucia Angulo Gomez, diciassettenne, la coppia di fidanzatini morta nel tragico schianto tra la Mercedes classe A e un trattore, avvenuta venerdì scorso, sulla Ss 196 a Villasor. Dentro la chiesa di Santa Barbara ci sono, nella prima bancata, i genitori e la sorella di Steven, accanto alla madre e alla nonna di Angelica. Un funerale molto toccante, don Giovanni Cuccu guarda più volte le bare dei fidanzatini e invita tutti alla preghiera. Fuori, all’arrivo dei feretri, qualcuno spara dei petardi. Ottanta le persone dentro la chiesa (non uno di più a causa delle regole anti Covid), nel sagrato esterno sono oltre un centinaio i giovani e i meno giovani che, con gli occhi bassi, attendono la fine della funzione religiosa.

Poi, all’uscita, un lunghissimo applauso e il lancio, verso il cielo, di tanti palloncini bianchi. Due ragazzini morti mentre stavano tornando da quella che, a breve, sarebbe stata la loro nuova casa, proprio a Villacidro. E un figlio che sarebbe nato tra cinque mesi esatti. Un dramma, impossibile trovare altre parole. E infatti, regna il silenzio mentre l’auto dell’agenzia funebre porta Steven Carbini e Angelica Lucia Angulo Gomez al cimitero di Villacidro. Due loculi, praticamente attaccati, per farli restare “vicini per sempre”.

 

Per la foto si ringrazia: Stefano Secci.

L'articolo Villacidro, petardi e rombo degli scooter per l’addio a Steven e Angelica: “Fidanzatini in eterno” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.