Via libera agli arrivi da altre regioni nelle seconde case in Sardegna
Prorogate le ordinanze sui controlli anti-covid in porti e aeroporti: in vigore fino al 28 maggio

alt=“case in affitto a cagliari”

Ingresso in casa

 

Via libera per i residenti in altre regioni che possiedono una seconda casa in Sardegna: una delle due ordinanze firmate ieri a tarda sera dal presidente Christian Solinas – le numero 16 e 17 – fa decadere le misure che prevedevano la possibilità di raggiungerle solo per comprovate esigenze lavorative, necessità documentate o per motivi di salute.

Cessa anche l’obbligo per i vettori di verificare alla partenza tra i passeggeri il possesso dei requisiti previsti dal dpcm 2 marzo 2021 per gli spostamenti tra le regioni. Continueranno comunque i controlli allo sbarco nei porti e negli aeroporti sardi, affidati dal 22 marzo scorso al Corpo forestale regionale.

Con i due provvedimenti emanati ieri, Solinas ha prorogato le altri misure dche disciplinano gli arrivi in Sardegna per ridurre il rischio di contagio. I passeggeri dovranno ancora registrarsi – prima dell’imbarco – sul portale della Regione o sull’app ‘Sardegna sicura’, e arrivare con la prova dell’avvenuta vaccinazione. In alternativa, dovranno sottoporsi a test antigenici rapidi in porti e aeroporti o, entro 48 ore dall’arrivo, in strutture autorizzate, oppure stare in isolamento fiduciario per 10 giorni.

La proroga di queste misure è valida fino al 28 maggio.

Sabato, 15 maggio 2021

L'articolo Via libera agli arrivi da altre regioni nelle seconde case in Sardegna sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.