Via da Villaspeciosa i migranti turbolenti: accordo tra Comune, prefettura, questura e tribunale dei Minori per il  trasferimento. Gli spiacevoli episodi che si sono verificati in queste ultime settimane e che hanno innescato una serie di polemiche all’interno del paese, hanno costretto il primo cittadino Gianluca Melis a prendere una serie di provvedimenti finalizzati al trasferimento di un gruppo di migranti ospiti del centro di accoglienza ‘Casa di Nazareth’. “I fatti che stanno accadendo in questi giorni – spiega il sindaco – non sono sicuramente fatti piacevoli, la situazione è tesa. Villaspeciosa “include”, lo fa ormai da 8 anni. Villaspeciosa chiede il rispetto delle regole agli speciosesi e allo stesso modo devono rispettarle rigorosamente i nostri ospiti. Tanti ragazzi che sono passati dalla Casa di Nazareth hanno intrapreso un attività lavorativa, hanno vestito i colori della nostra squadra di calcio, hanno praticato sport e partecipato a progetti. Si, erano extra-comunitari che hanno scelto di approdare in Sardegna, ma soprattutto hanno scelto di integrarsi”.
“La situazione in quest’ultimo mese è cambiata, e noi di pari passo stiamo cambiando le azioni. Non è una situazione di facile gestione e penso che questo sia chiaro a tutti. Sono ormai due mesi che ci sono interlocuzioni continue con la prefettura, la questura, le Forze dell’ordine e il gestore della comunità, tutte volte a trovare una soluzione che sia giusta per tutti, per la nostra comunità e per i ragazzi. Si tratta di gestioni sovracomunali e la soluzione si trova solo quando si raggiungono accordi tra i vari enti”. Salvaguardare la sicurezza della comunità è quindi l’obiettivo principale e per questo sono in corso “incontri con prefettura per trovare una soluzione che porti al trasferimento delle persone “pericolose”, magari in un centro che riesca a tenerli maggiormente a bada; la ricerca, spetta al comune, di una comunità che li accolga, oggi sono
state contattate 10 comunità sarde, ma è facile capire che con l’abnorme quantià di sbarchi degli ultimi mesi siano tutte in carenza di spazi; accordo con prefettura, questura e tribunale dei Minori per il  trasferimento e vigilanza sulla struttura, intendo verifica della idoneità documentale
e strutturale della stessa. Deduco che come istituzione comunale – specifica il sindaco – stiamo facendo tutto il possibile per trovare la soluzione che risolva il problema”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.