Ci sono volute due sentenze, di primo e secondo grado, per convincere WindTre a riportare a casa parte dei lavoratori ceduti a Comdata nel 2017, insieme al ramo d’azienda, con il parere negativo dei sindacati.
L’accordo è stato firmato ieri da Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil nazionali e territoriali e prevede il reintegro di 145 operatori della sede cagliaritana (e altri 87 delle sedi a Palermo, Roma e Genova),
dal 1 giugno.

Contro la decisione di esternalizzare il servizio di call center i sindacati si erano mobilitati sin da subito ma il percorso era stato inesorabile e WindTre aveva tirato dritto sulla strada della cessione a Comdata. Una strada poi sbarrata dai giudici del Tribunale di Milano e, chissà, magari anche da quelli del Tribunale di Cagliari che ancora si devono esprimere per altri 44 lavoratori.

Per capire, un passo indietro. Nel 2017, fra proteste, scioperi e manifestazioni, si compie il passaggio in Comdata di oltre duecento operatori. I sindacati, pur non condividendo l’operazione, a cessione
avvenuta firmano un accordo affinché il passaggio sia meno svantaggioso possibile, con garanzie sui livelli contrattuali e gli stipendi. E’ un punto importante della vertenza certo, ma non sono soddisfatti. Contestano la cessione in toto: “Non aveva senso allora e non ha senso oggi considerare l’attività di servizio clienti svolta dal call center come un mero costo di cui liberarsi”, spiega il segretario Slc Cgil Sardegna Antonello Marongiu sottolineando che, “non a caso, le aziende di telecomunicazioni stanno progressivamente
rivalorizzando quei servizi investendo sulle risorse interne, come accade ad esempio sul nostro territorio con Tiscali e Sky”.

La vertenza, infatti, va avanti. I lavoratori sono messi a dura prova da una scelta non facile: accettare un incentivo economico per il cambio di azienda rinunciando alle cause o passare a Comdata senza
incentivo ma riservandosi di ricorrere contro WindTre. Trenta scelgono la prima opzione, degli altri, 144 avviano le cause al Tribunale di Milano, altri 44 in quello di Cagliari.

Il primo risultato arriva dopo la sentenza di primo grado che impone a WindTre il reintegro dei lavoratori. L’azienda cede in parte, rimette in organico 144 lavoratori ma li lascia in distacco a Comdata. Il sindacato incassa il risultato, a settembre 2019 firma l’accordo alido due anni e attende la sentenza di secondo grado che, quando arriva, conferma il primo giudizio. E’ a questo punto che WindTRe cede del tutto: rinuncia alla Cassazione e, finalmente, firma l’accordo di ieri che prevede il reintegro totale dal 1 giugno, sede di lavoro i
nuovi uffici WindTre in Piazza Deffenu.

Questa vicenda, che riterremo conclusa solo quando tutti i lavoratori verranno reintegrati, dovrebbe insegnare qualcosa e servire come monito alle aziende – conclude Antonello Marongiu – perché troppo
spesso, negli scorsi anni, hanno assunto decisioni scellerate perdendo in qualità, sostenendo inutili spese legali e costringendo i lavoratori a scegliere tra incentivi, imposizioni aziendali o cause legali”.

L'articolo Vertenza Comdata a Cagliari, vittoria dei lavoratori: reintegrati in WindTre proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.