Un furto avvenuto in piena notte, alla periferia di Senorbì, non distante dalla rotonda per Ortacesus. Qualcuno, col favore delle tenebre, è entrato in un terreno ed è fuggito “con venti piante di ulivo, comprate due giorni fa e costate 150 euro”. A denunciare il fatto, sui social e a Casteddu Online, è la figlia della vittima, Leide Sirigu. La donna spiega sin da subito che “nelle prossime ore andremo dai carabinieri per sporgere regolare denuncia. Mio padre, Aurelio Sirigu, 75 anni, ex maresciallo dell’Aeronautica, aveva piantato tutti gli alberelli. Stamattina è tornato al campo e ha trovato solo i buchi nel terreno”, racconta. Un gesto che la figlia definisce “ignobile. Papà è molto giù, sta piangendo da ore. Il nostro terreno si trova in località Bangius, è protetto da una piccola recinzione ma non ha ancora un cancello. Non pensavamo certo che qualcuno potesse rubare delle piante”.Il danno economico c’è tutto, ma sembra essere sovrastato da quello morale: “Non è tanto una questione di soldi, che comunque ci sudiamo col nostro lavoro, quanto vedere la disperazione e le lacrime nel volto di mio papà. In questo periodo di emergenza Covid, fare lavoretti in campagna lo rilassa ancora di più, è sempre stato un amante della natura. Se qualcuno avesse visto qualcosa ci contatti subito al +393472216636”. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.