'Ha dichiarato una guerra totale'

(ANSA) - CARACAS, 20 AGO - Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha accusato il suo omologo statunitense Donald Trump di aver dichiarato "una guerra" alla compagnia petrolifera statale Pdvsa perché vuole "mettere le mani su tutto il petrolio" del Venezuela.

In un discorso pronunciato per una Giornata di rilancio dell'agricoltura nazionale, Maduro ha spiegato: "Donald Trump ha dichiarato una guerra totale (a Pdvsa, ndr.) per invidia, meschinità, imperialismo, e perché vuole mettere le sue mani sulla ricchezza del nostro Paese, ma il petrolio che appartiene ai venezuelani non sarà mai dell'imperialismo, in nessun caso".

Confermando sulla base di nuove recenti sanzioni statunitensi che continua "la persecuzione totale degli Stati Uniti contro tutta l'industria petrolifera di Pdvsa", il capo dello Stato ha assicurato che "la politica petrolifera (dell'ex presidente Hugo) Chávez sarà il nostro scudo per affrontare e sconfiggere l'embargo, e la persecuzione economica e finanziaria".

Maduro ha quindi indicato che "oggi diffondono un'altra informazione di nuove sanzioni, di nuove misure persecutorie, per cui noi non possiamo rivelare in che modo continuiamo ad avanzare, e in che direzione vanno i nostri eserciti. Quello che dobbiamo fare - ha ribadito - è liberare completamente la nostra Pdvsa".

In questa direzione, ha concluso, "ho firmato il decreto per prorogare di sei mesi la conduzione plenipotenziaria della Commissione 'Alí Rodríguez Araque'", guidata dal ministro del Petrolio Tareck El Aissami, che ha il compito di "proteggere il nostro patrimonio petrolifero". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.