Cagliari

Le previsioni della Coldiretti

È stato staccato oggi in Sicilia il primo grappolo d’uva che ha dato il via alla vendemmia del 2021 in Italia, e che in settimana prenderà il via anche in Sardegna con uve per le basi spumante, Moscato e Chardonnay e si protrarrà fino a ottobre con le vendemmie dei vigneti quota 600-700 metri come il Mandrolisai (Cannonau, Monica e Bovale).

È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti secondo la quale si stima un calo del 5-10% a livello nazionale (ma valido anche per la Sardegna) per un quantitativo compreso tra i 44 e i 47 milioni di ettolitri, anche se molto dipenderà sia dall’evoluzione delle temperature che influiscono sulla maturazione sia dall’assenza di nubifragi e grandinate che hanno un impatto devastante sui vigneti e sulle quantità prodotte.

In generale, a livello nazionale cosi come regionale, si attende comunque un’annata di buona/ottima qualità anche se l’andamento della raccolta sarà influenzato molto dal resto del mese di agosto e da quello di settembre per confermare le previsioni anche sul piano quali-quantitativo.

Nonostante il calo a livello nazionale l’Italia quest’anno – precisa la Coldiretti – è il primo produttore mondiale di vino mentre per il secondo posto si prospetta una sfida tra Francia e Spagna che hanno subito un contenimento dei raccolti, anche se più marcato per i cugini d’Oltralpe.

La vendemmia sarda sarà in parte condizionata dalle gelate dell’8-9 aprile scorso che hanno colpito i vigneti a macchia di leopardo in tutta l’Isola ma in particolare nel Nord Sardegna (Nurra con in testa Alghero e il vermentino in Gallura) e nell’oristanese con la Vernaccia.

“Fino a questo momento l’annata è stata buona, in questo momento si soffre il caldo degli ultimi giorni e l’assenza di precipitazioni – conferma l’enologo di Coldiretti Sardegna Aldo Buiani -. Ci attendiamo una vendemmia in linea con quella dello scorso anno. In generale, favorita anche dalle precipitazioni primaverili e dall’andamento meteo degli ultimi mesi: si segnala la quasi assenza di peronospora, con attacchi di oidio contenuti ed a macchia di leopardo”.

Quella dell’anno scorso (2020) – evidenzia Coldiretti Sardegna – è stata quantitativamente la migliore vendemmia delle ultime quattro annate (dal 2017 in poi) con circa 430.000 ettolitri (+ 18% rispetto al 2019 che si fermò a 363mila ettolitri), ma sotto la media degli ultimi 10 anni: dal 2009 al 2018 la media è stata di 516.536 ettolitri.

In Sardegna il settore conta circa 38mila aziende agricole, la superficie vitata è di oltre 27mila ettari ed il fatturato si aggira intorno ai 150milioni di euro. L’Isola conta 18 vini marchiati Doc, 15 Igt ed una sola Docg. Inoltre il 55% del vino prodotto è rosso il restante 45% bianco. Il vitigno più coltivato è il cannonau che conta oltre 7.400 ettari seguito dal vermentino con oltre 4.580. Il Comune con il maggior numero di superficie vitata è Alghero con circa 1.255 ettari.

Lunedì, 2 agosto 2021

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.