Vecchi parabrezza nelle campagne di Marrubiu: carrozziere denunciato
Scoperto dalla Forestale, rischia l’arresto o un’ammenda fino a 26mila euro

I rifiuti rinvenuti nelle campagne di Marrubiu

Un autocarrozziere è stato deferito dall’Autorità giudiziaria per aver abbandonato un ingente quantitativo di crstalli parabrezza nelle campagne di Marrubiu. I rifiuti speciali sono stati scoperti nei giorni scorsi dal personale della Stazione forestale di Marrubiu, che è poi riuscito a rintracciare il responsabile.

I cristalli spaccati erano stati scaricati all’interno di un’area di rimboschimento di proprietà dell’Agenzia Laore, a “Masongiu”. Il carrozziere, che lavora in un centro dell’Alta Marmilla, rischia ora l’arresto da tre mesi a un anno o un’ammenda che va da 2.600 a 26.000 euro, se si tratta di rifiuti non pericolosi.

Tiziana Pinna

L’artigiano ha provveduto a ripulire l’area su richiesta della Forestale e ha poi conferito i rifiuti presso un centro autorizzato.

“Il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti”, scrive in una nota la responsabile del Servizio forestale di Oristano, Tiziana Pinna, “si manifesta in tutta la sua gravità per le pesanti ripercussioni sull’ambiente, sulla salute delle persone, sulle attività produttive ed infine per i considerevoli costi di bonifica che ricadono sui comuni. Il Corpo forestale è sempre impegnato in prima linea, con un grande impiego di risorse umane e strumentali, per contribuire ad arginare il fenomeno”.

Mercoledì, 21 aprile 2021

L'articolo Vecchi parabrezza nelle campagne di Marrubiu: carrozziere denunciato sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.