Vaccini ai “furbetti”: indagata anche l’ex commissaria dell’Assl di Oristano
Il nome di Valentina Marras si aggiunge a quello degli altri 16 sanitari sott’inchiesta

E’ il nome di Valentina Marras, responsabile del servizio igiene pubblica dell’Assl di Oristano e di quelle di Nuoro e Lanusei, sino a qualche mese fa commissaria della stessa Assl oristanese, quello che si aggiunge all’elenco dei 16 indagati finiti nell’inchiesta sui vaccini somministrati a parenti e amici.

Marras in considerazione del suo incarico sta coordinando la campagna di vaccinazione, ma lei stessa è stata da subito in prima linea, effettuando la somministrazione dei vaccini.

E’ probabile che tra i suoi vaccinati ci siano persone non incluse nelle categorie con priorità, così come emerso inizialmente dagli accertamenti eseguiti al poliambulatorio di Oristano dai carabinieri del Nas di Cagliari, su disposizione della procura della repubblica di Oristano.

La notizia di un nuovo indagato era già circolata l’altro ieri e nelle ultime ore è giunta la conferma che l’inchiesta coinvolge ora anche Valentina Marras.

Giovedì, 29 aprile 2021

L'articolo Vaccini ai “furbetti”: indagata anche l’ex commissaria dell’Assl sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.