Al Brotzu inoculazioni ai primi 50 della direzione Sanità

CAGLIARI. Si parte oggi tra le polemiche con i vaccini di AstraZenica ai dipendenti dell'assessorato Sanità della Regione Sardegna. L'appuntamento è per le 18 al centro vaccinale dell'azienda ospedaliera Brotzu di Cagliari per coloro che hanno dato la disponibilità alla somministrazione rispondendo alla mail dell'8 marzo scorso: una cinquantina in tutto. Dopo la denuncia del consigliere regionale dei Progressisti Massimo Zedda, che ha puntato il dito sulla scelta delle priorità, l'assessore Mario Nieddu ha già spiegato che «dall'inizio dell'emergenza il personale degli uffici della direzione generale è in prima linea anche per il rapporto diretto con gli operatori sanitari impegnati sul fronte del virus, con grandi rischi».

Ribadendo che «la campagna sta seguendo in modo puntuale le indicazioni stabilite a livello nazionale: chi non rispetta le priorità del piano commette un illecito. Non abbiamo niente da nascondere. Non è accettabile che si getti fango su chi ha sempre rispettato le regole». Ma il capogruppo dei Progressisti Francesco Augus non ci sta. E ieri su Facebook ha dichiarato: «Il 21% delle dosi somministrate in Sardegna sono finite a categorie che nulla hanno a che vedere con chi sulla carta avrebbe dovuto avere la priorità e solo il 30% delle dosi è stato somministrato a ultrasettantenni e a pazienti cronici. Ma in questo marasma - attacca l'esponente dell'opposizione - si è trovato il tempo per vaccinare sindaci e intere giunte comunali, dipendenti di uffici che non hanno contatto con il pubblico o sono addirittura in smart working, i parenti dei farmacisti di Oristano, le persone che si sono trovate a passare per caso al posto giusto al momento giusto».

«In questo valzer delle priorità, solo una cosa è certa - conclude Agus sul social - saranno vaccinati per ultimi i figli di nessuno. I commessi dei supermarket, i rider, chi lavora in un cantiere edile, in una cucina, dietro a un bancone, in un salone di bellezza, tra gli scaffali dei negozi 'indispensabilì aperti anche in zona rossa. Chi serve ai tavoli, chi mette benzina». (ANSA)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.