“Vaccinazioni lente in Sardegna, accettiamo l’aiuto dell’Esercito”
Ciusa (M5S) critica la Giunta Solinas per scarsa programmazione e scelte opache

“Se la Sardegna, come emerge chiaramente dai dati, non è in grado di far fonte alla campagna vaccinale in tempi celeri per problemi logistici e informatici, il presidente Solinas ha il dovere di accettare l’invio di task force della Difesa e della Protezione civile offerto dallo Stato”. Il capogruppo del M5S in Consiglio regionale, Michele Ciusa, spiega che in un momento come questo deve “prevalere il senso di responsabilità e non l’orgoglio”.

Scrive Ciusa: “In queste ore il presidente Draghi ha teso la mano alle regioni in difficoltà, assicurando la disponibilità dell’Esercito. Un aiuto concreto di cui non possiamo fare a meno, perché al di là del quadro, sempre roseo, che il governo regionale descrive, la campagna vaccinale nella nostra isola è in alto mare. Ancora oggi la scarsa programmazione esistente non risulta efficace, e se queste sono le tempistiche con un numero ridotto di dosi, immaginiamo cosa accadrà da aprile quando arriveranno oltre un milione di dosi (salvo imprevisti). Il sistema è già in affanno, non possiamo rischiare che arrivi al collasso nel pieno della campagna vaccinale”.

Il capogruppo dei Cinquestelle chiede alla Giunta spiegazione “sull’organizzazione delle chiamate, sui criteri seguiti sia per quanto riguarda la gestione delle liste overbooking sia per quanto riguarda le chiamate delle persone fragili. La Regione ha previsto un overbooking del 10% ogni giorno, ma questa percentuale deve essere ampliata, creando una lista delle riserve che comprenda tutti coloro che possano garantire la presenza in tempi certi e rapidi. In questo modo si evita quello che purtroppo sta accadendo, ovvero le chiamate agli ‘amici’”.

“Anche la scelta di iniziare a vaccinare le persone fragili dall’AOU di Cagliari risulta alquanto ambigua”, dice Ciusa. “In base a quali criteri è stato deciso di partire dall’Azienda Ospedaliera Universitaria e non dall’ospedale Oncologico? L’impressione è che si stia procedendo ancora con campagne a macchia di leopardo, che non seguono alcuno schema logico e che porteranno presto il sistema al collasso”.

“Accettare il supporto del Governo Draghi è un dovere nei confronti di tutti i sardi che sperano nella ripartenza. A breve arriveranno in Sardegna altre 27 mila dosi di vaccini e dobbiamo essere preparati a gestirle al meglio. Grazie al supporto dell’Esercito è possibile accelerare e non possiamo permetterci di snobbare questa possibilità vitale per la nostra economia”.

Martedì 23 marzo 2021

L'articolo “Vaccinazioni lente in Sardegna, accettiamo l’aiuto dell’Esercito” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.