Oristano

Troppe ferie arretrate per il personale e superamento del budget coperto dalla Regione

La clinica “Madonna del Rimedio” sospenderà l’attività dal 20 dicembre al 24 gennaio dell’anno prossimo. In questo periodo si fermeranno i ricoveri nei reparti di degenza, l’attività chirurgica, gli ambulatori specialistici, la radiologia e il laboratorio analisi. E, naturalmente, resteranno a casa quasi tutti i suoi circa 200 dipendenti dei quali una cinquantina con contratti di collaborazione. Continueranno a lavorare solo il centralino e l’amministrazione, a disposizione in particolare per la programmazione degli appuntamenti da fissare alla riapertura, dal 24 gennaio in poi.  

Una chiusura notevolmente più lunga rispetto ai pochi giorni di riposo previsti abitualmente durante le feste natalizie e dettata quest’anno da alcune precise esigenze. 

“Dobbiamo innanzitutto garantire il diritto alle ferie al personale e in particolare a quello collocato in cassa integrazione a causa del Covid, che ha accumulato le ferie degli ultimi due anni”, spiega Mario Alberto Floris, direttore generale della clinica. “E, nel contempo, ne approfittiamo per eseguire degli importanti lavori con la realizzazione di nuovi spogliatoi nel blocco operatorio”. Un settore già interessato da un radicale intervento di ammodernamento, che oggi conta su tre sale operatorie e tre ambulatori di chirurgia avanzata. 

Ma alla base del lungo periodo di chiusura dell’attività sanitaria c’è anche la necessità di riequilibrare i conti. “ Dobbiamo fermarci anche perché stiamo ormai lavorando in extra budget”, spiega ancora Mario Alberto Floris. “Il volume della nostra attività ha superato quest’anno i 12 milioni di euro, dei quali solo 10 milioni e 600 mila euro rimborsati dalla Regione. Particolarmente rilevante lo squilibrio nella specialistica, per la quale spendiamo 3 milioni 200 mila euro a fronte di entrate inferiori di 500 mila euro. Una esposizione che affrontiamo volentieri, nell’attesa di un adeguamento del budget da parte della Regione, che però al momento non ce l’ha accordato”, lamenta il direttore generale Floris.

Oristano - Clinica Madonna del rimedio - incontro direttore - Floris
Mario Alberto Floris, direttore generale della clinica Madonna del Rimedio

La sospensione per un così lungo periodo dell’attività della Clinica Madonna del Rimedio è destinata a creare non pochi disagi ai cittadini della provincia di Oristano, e non solo a loro. La Casa di cura da tempo garantisce una preziosa integrazione alle carenze del servizio pubblico e la chiusura dei suoi servizi è destinata a pesare considerevolmente sulle liste d’attesa già lunghissime. 

Venerdì, 3 dicembre 2021

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.