Una microspia in camera da letto scopre i furti della badante
Intervento dei carabinieri dopo la denuncia fatta da un pensionato di Muravera

Una minuscola telecamera piazzata dai carabinieri in camera da letto ha svelato il mistero di un portafogli che si alleggeriva con regolarità. Ora la badante che aiutava un pensionato di Muravera, 80 anni, dovrà rispondere in Tribunale di furto aggravato e continuato: in un video la si vede chiaramente mentre sfila alcune banconote dal portafogli e dopo si sofferma davanti allo specchio per sistemarsi i capelli.

Le indagini erano partite dalla denuncia del pensionato, che non capiva che fine facessero i contanti prelevati dal bancomat e custoditi a casa: dal portafogli sembrava che mancasse sempre qualcosa. Pochi gli estranei in visita, in questo periodo: la prima sospettata – a malincuore – era quindi la badante. Dopo una prima segnalazione alla Procura della Repubblica, i carabinieri hanno proposto al pensionato di cercare le prove dei furti con una microcamera.

Autorizzati dal padrone di casa e in collaborazione con i colleghi (in borghese) di San Vito, i carabinieri hanno nascosto il piccolissimo apparecchio sulla cornice dello specchio nella camera da letto del pensionato. E alla successiva sparizione di denaro sono saltate fuori le prove che inchiodano la responsabile.

Venerdì, 15 gennaio 2021

L'articolo Una microspia in camera da letto scopre i furti della badante sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.