Cabras

Sopralluogo di veterinari e associazioni

Potrebbe essere un virus e non la siccità la causa che ha scatenato la recente moria di conigli selvatici nani a Mal di Ventre. Stamane veterinari e associazioni hanno raggiunto l’isola per un sopralluogo. Ad accompagnare i medici Pierpaolo Sechi dell’Asl di Oristano e Stefano Cappai dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna sono stati il presidente dell’Adina, l’Associazione Diportisti Nautici di Cabras, Ivo Zoccheddu, e il presidente di Caccia Pesca Tradizioni Sardegna, Marco Efisio Pisanu.

I veterinari hanno prelevato i resti di alcuni dei conigli, sui quali verranno effettuate le analisi necessarie per comprendere le cause di morte.

Durante il sopralluogo si è potuto verificare che i conigli e gli animali selvatici dell’isola, al momento, dispongono dell’acqua e del cibo necessari per la sopravvivenza.

Secondo le associazioni, dunque, la causa della recente moria dei conigli selvatici potrebbe essere un’epidemia originata da un virus, magari “portato nell’isola dai volatili o anche da animali domestici, incautamente introdotti”.

“In ogni caso”, si legge in una nota firmata da Zoccheddu e Pisanu, “al di là delle ipotesi, per avere certezze sulle cause della moria occorrerà attendere l’esito delle analisi, il cui risultato verrà divulgato anche dalle associazioni”.

ivo-zoccheddu-adina-giugno-2021
Ivo Zoccheddu

Adina e Caccia Pesca Tradizioni Sardegna, in piana collaborazione con l’Atao guidata da Dario Cossu, stanno studiando forme di assistenza agli animali selvatici che popolano Mal di Ventre. “Per esempio”, conclude la nota, “nel caso di necessità, l’approvvigionamento dell’acqua necessaria. A tal proposito segnaliamo che i ‘volontari’ che hanno raccolto l’invito a portare acqua hanno utilizzato contenitori di plastica che sono rimasti nell’isola e che costituiscono una pericolosa fonte di inquinamento. L’invito rivolto a chi volesse portare altra acqua agli animali selvatici è di utilizzare le pozze naturali scavate nella roccia e di evitare assolutamente di lasciare nell’ambiente contenitori inquinanti”.

Nelle scorse settimane a lanciare l’allarme per la moria di conigli nani era stata l’Oipa, l’Organizzazione internazionale protezione animali.

Marco Efisio Pisanu
Marco Efisio Pisanu

Venerdì, 5 agosto 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.