Cala ancora la popolazione in Italia, la Sardegna ancora una volta fa peggio della media nazionale: a fronte di un calo dello 0,7% a livello nazionale, nell’isola si registra una diminuzione dell’1,3%. Peggio fanno soltanto Molise, Calabria e Campania.  Secondo l’Istat “questo calo è attribuibile prevalentemente alla dinamica

La pandemia, secondo l’Istat, ha accentuato la tendenza alla recessione demografica già in atto e il decremento di popolazione registrato tra l’inizio e la fine dell’anno 2020 risente di questo effetto, portando a un record minimo delle nascite, 405mila, paragonabile soltanto, dai tempi dall’Unità d’Italia in poi, solo a quello  record del 1918 (-648 mila), quando l’epidemia di “spagnola” contribuì a determinare quasi la metà degli  1,3 milioni di decessi registrati in quell’anno.

Ancora una volta, a lamentare il calo più consistente è ancora una volta tutto il meridione, e naturalmente le isole. Emblematico: al sud scarseggiano servizi e welfare, per non parlare dei picchi di disoccupazione, e dunque spesso si rinuncia a mettere al mondo figli per l’impossibilità di conciliare vita lavorativa e familiare. Ma che futuro può avere un Paese dove non si nasce più? La risposta è dolorosamente scontata.

RispondiRispondi a tuttiInoltraModifica come nuovo

L'articolo Un bambino ogni 5 anziani, in Sardegna e nel resto d’Italia nascite a picco: che futuro può avere un Paese così? proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.