La Sardegna è ufficialmente in zona bianca, si tratta della prima regione italiana a veder cadere, con il passaggio di fascia, gran parte delle restrizioni. La notizia della firma dell’ordinanza da parte del ministro della Salute Roberto Speranza è stata confermata, già, da alcuni parlamentari sardi che ne hanno fato notizia sui social e anche da Fanpage. I dati dell’Isola, contagi bassissimi e riempimento dei posti letto in reparto standard e intensivi Covid, oltre a meno di 50 casi ogni 100mila abitanti sono stati, quindi, fondamentali. Cosa cambia? Dal primo marzo, stando alle ultime regole, proprio quelle che fissano il passaggio in fascia bianca, i ristoranti possono aprire anche dopo le 18 e possono riaprire palestre e piscine. E niente coprifuoco dalle 22 alle 5. Restano, ovviamente, le regole principali: distanziamento sociale, mascherina e frequente igienizzazione delle mani.

 

Come si apprende da Fanpage, inoltre, è in corso un tavolo tra ministero della Salute, Istituto superiore di Sanità e la stessa Regione Sardegna per definire le modalità attuative del passaggio di fascia. Probabilmente, a causa della presenza della variante inglese del virus, che potrebbe portare a qualche limitazione specifica. Se ne saprà di più tra qualche ora.

L'articolo Ufficiale, la Sardegna è in zona bianca: Speranza ha firmato l’ordinanza proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.