Parte anche una colonna mobile per l'invio di medicine e il recupero di profughi

CAGLIARI. È prevista per domani, giovedì 3 marzo, da Cagliari la partenza della missione promossa dalla sezione Ucraina dell'Intergruppo Parlamentare, presieduto da Ugo Cappellacci (Forza Italia), in collaborazione con il console onorario a Cagliari Anthony Grande. Due i bus predisposti per portare in Sardegna oltre un centinaio di bambini: partiranno alle 14 da piazza dei Centomila, a Cagliari, dopo una breve conferenza stampa.

Sempre domani partirà nel pomeriggio anche la colonna mobile approntata dalla rete dei volontari Anas Sardegna che sta via via diventando sempre più numerosa. Almeno sette i van da 9 posti che si muovono dalla Sardegna e che , una volta raggiunta Padova (via mare sbarcando a Livorno) si riunirà al convoglio Anas proveniente da Milano, Caltanissetta, Reggio Emilia, Taranto e Roma. I van partono carichi di medicine e torneranno con i profughi ucraini che vorranno raggiungere l'Italia attraverso la Polonia da Lviv (Leopoli). L'appuntamento, in questo caso, è fissato per le 16 al Ferroviario in viale La Playa a Cagliari. (ANSA)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.