uccide

"Mi dispiace, perdonami papà". Queste le parole scritte da Davide Paitoni, 40enne arrestato per aver ucciso il figlio di 7 anni e aver tentato di ammazzare la ex moglie, ieri sera in provincia di Varese, su un biglietto lasciato sul cadavere del bimbo, chiuso nell'armadio. 

Nella breve missiva l'uomo ha confessato il suo gesto ed espresso "grande disprezzo" per la moglie, che poi ha tentato di uccidere.

Droga, alcol e violenza. Era diventata questa la vita di Davide Paitoni, 40 anni, che ieri sera ha assassinato il figlio di sette anni e cercato di uccidere la ex moglie, di 36, tra Morazzone e Gazzada Schianno, in provincia di Varese, solo un mese dopo aver aggredito violentemente un altra persona ed essere stato arrestato.

Addetto alle vendite di un'azienda di Azzate, sempre nel varesotto, Paitoni ha alle spalle diverse denunce, tra cui guida in stato di ebbrezza, ma la più grave risale al 26 novembre quando, al culmine di una lite, ha sferrato diverse coltellate alla schiena di un 52 enne con cui lavorava.

Una lite banale, tanto che lo stesso 40 enne, una volta fermato in caserma, avrebbe faticato a trovare una spiegazione al suo gesto. Era stato arrestato, ma l'autorità giudiziaria aveva deciso che fossero sufficienti gli arresti domiciliari.

Nel frattempo l'uomo, consumatore abituale di droghe (nella sua auto i carabinieri hanno trovato della cocaina), era nel pieno del suo divorzio.

La moglie, 36 anni e anche lei aggredita a coltellate ieri sera, ignara che a cadere sotto i colpi del marito prima era stato il loro bambino, aveva chiesto la separazione al termine di un lungo periodo di forti contrasti, con liti molto accese.

Fonte: Ansa

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.