Il giovane non ha prestato soccorso al conducente che al momento dell'impatto stava uscendo da una delle vetture colpite

SANLURI. Sotto l’effetto dell’alcol va a sbattere contro alcune auto e non si ferma a prestare soccorso a persone rimaste eventualmente ferite. Protagonista, ieri sera 19 settembre, un operaio 22 di Sanluri, rintracciato dai carabinieri della stazione di Nuraminis e del Radiomobile della Compagnia di Sanluri e denunciato per guida sotto l’influenza di bevande alcoliche e di omissione di soccorso. I militari erano intervenuti su una richiesta pervenuta sull'utenza di pronto intervento 112, in piazza Porta Nuova, a Sanluri, e hanno accertato che un giovane automobilista era scappato dopo aver impattato contro alcune auto in sosta, una delle quali (una Volkswagen) con il proprietario all’interno che stava uscendo dal parcheggio.

Il fuggitivo è stato intercettato alla periferia del centro abitato e sottoposto ad accertamento etilometrico che si rivelava positivo con un tasso di alcolemia pari a 1,42 grammi per litro. I documenti di guida e di circolazione del mezzo dell’auto, di proprietà del padre 56enne del ragazzo, erano regolari, ma al giovane è stata ritirata la patente e l'autoveicolo sottoposto a fermo amministrativo.(l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.