Giornata di festa a Sinnai per il compleanno di Giuseppina Manca che ha spento ieri cento candeline.

Una messa in forma privata, insieme a figli e nipoti, celebrata dal Parroco Don Alberto Pistolesi con la presenza del Sindaco Tarcisio Anedda e del vicepresidente del consiglio Walter Zucca.

Nasce a Maracalagonis il nove settembre 1920 da una coppia di ferrovieri, cinque i figli nati in altrettanti paesi della Sardegna per via del lavoro del marito, guardia forestale che ha seguito nei vari distaccamenti, per stabilizzarsi e trasferirsi a Sinnai nel 1980.

“Una vita dedicata alla famiglia, all’amato marito che ricorda ancora con commozione e ai figli” – dice Walter Zucca- ci ha raccontato due episodi salienti della sua vita: i bombardamenti su Cagliari del ’43 che visitò il giorno dopo descrivendo la città come se fosse stata arata da un trattore, e quando all’età di 15 anni trovò impiego come telegrafista all’ufficio postale di Nurri. Lavoro che abbandonò per amore dopo qualche mese, per seguire il marito che sposò a 19 anni.”

Inevitabile domanda di rito, qual è l’elisir della sua lunga vita? “Vivere con l’amore della famiglia, con la fede e sopratutto con poche medicine”.

L'articolo Tzia Giuseppina spegne 100 candeline a Sinnai, l’elisir di lunga vita? “L’amore e poche medicine” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.