“Tuteliamo i nostri vini”. Appello dall’Oristanese per proteggere Cannonau e Semidano
Le normative comunitarie mettono in pericolo diverse produzioni con la Dop

La Sardegna rischia di farsi scippare i suoi vini a marchio Dop e anche nell’Oristanese c’è preoccupazione. Il regolamento 33 dell’Ue mette in serio pericolo gli 11 vitigni italiani di origine protetta, 5 dei quali sono  i sardi Cannonau, Girò, Nasco, Nuragus e Semidano.

Se le direttive comunitarie venissero recepite in Italia così come sono, i produttori della penisola avrebbero il via libera alla produzione e commercializzazione dei vini Dop “made in Sardinia”. Il rischio di “desardizzazione” e svalutazione del prodotto è concreto soprattutto per il Cannonau, sono meno esposti invece Girò, Nasco, Nuragus e Semidano.

Nelle ultime settimane le cantine sarde hanno alzato la voce e portato la loro protesta a Cagliari. “Per una volta tutti noi produttori sardi siamo uniti”, commenta il presidente della Cantina di Mogoro Mauro Orrù.

Da anni a Mogoro si punta sulla valorizzazione del Semidano. Dei 38 ettari coltivati in Sardegna a Semidano, 20 sono nell’Oristanese. “Dobbiamo tutelare i nostri prodotti. Il valore e la qualità dei nostri vini non sono in discussione”, continua Orrù. Il presidente della cantina dell’Alta Marmilla ha apprezzato l’intervento dell’assessore all’Agricoltura Gabriella Murgia: “Finalmente è stato avviato un canale di comunicazione con la Regione. Noi produttori, la Regione e l’assessore siamo tutti allineati. Inoltre stiamo costituendo un’associazione che riunirà i consorzi dei vini Dop sardi”.

Anche da Cabras si leva una voce contraria alla liberalizzazione. “Il rischio per noi è alto”, sottolinea il vice-presidente della Cantina Contini, Mauro Contini. “Le conseguenze potrebbero essere pesanti soprattutto per il Cannonau. Si tratta di un prodotto affermato che fa parte dell’identità sarda. Ce lo scipperanno? È probabile che alcuni produttori italiani siano interessati a farlo”.

Il danno di immagine sarebbe enorme soprattutto all’estero. “Nei mercati internazionali”, conclude Mauro Contini, “il nome Cannonau prevarrebbe sulla denominazione territoriale”.

Mercoledì, 29 luglio 2020

L'articolo “Tuteliamo i nostri vini”. Appello per proteggere Cannonau e Semidano sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.