Cagliari

Ieri mattina la manifestazione indetta dal Nursing Up

Da tutta la Sardegna, delegazioni di infermieri si sono ritrovate ieri mattina a Cagliari per rivendicare i propri diritti. Il  sit-in di protesta, che si è tenuto in piazza Yenne, è stato organizzata dal Nursing Up, il sindacato delle professioni sanitarie. Presenti, con bandiere e striscioni, anche gli stessi candidati del sindacato alle elezioni Rsu che si terranno il prossimo 5, 6 e 7 aprile.

La manifestazione si proponeva di portare all’attenzione della politica e dei cittadini i tanti problemi che continuano ad attanagliare la categoria. Gli infermieri sardi protestano per una sanità allo sfascio. A pagare il prezzo di questa situazione sono sì i cittadini, ma anche i tanti professionisti che lavorano nel settore sanitario, e in primis quindi gli infermieri.

Tra i motivi della protesta c’è in primo luogo l’inadeguatezza della retribuzione – attualmente gli infermieri italiani percepiscono uno stipendio tra i più bassi in Europa – ma non solo: si parla anche dello scarso rispetto professionale che la categoria subisce quotidianamente sul posto di lavoro. Gli infermieri sono spesso dequalificati e demansionati, per la carenza di personale di supporto.

Nelle condizioni in cui opera, spiega il Nursing Up, la categoria degli infermieri non può condurre una vita personale e familiare serena, a causa dei turni di lavoro massacranti anche a causa della pandemia.

Il sindacato chiede innanzitutto il pagamento delle migliaia di ore in eccedenza già lavorate per garantire la tenuta del servizio sanitario; il saldo del debito pregresso per le indennità festive infrasettimanali, con un pagamento che dovrà essere messo regime; risorse economiche aggiuntive che permettano di incrementare lo stipendio del personale sanitario; rivedere le dotazioni degli operatori di supporto Oss, prevedendo dunque la presenza continua (e quindi mattina, sera e notte); rivedere le dotazioni del personale infermieristico, con le assunzioni necessarie a garantire il giusto rapporto infermiere/paziente; pagare in tutte le aziende il bonus covid e, infine, garantire in tutte le aziende il diritto allo studio e i buoni pasto.

Venerdì, 18 marzo 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.