Il “peso” di dover conservare dati medici sensibili legati allo stato di salute dei clienti non piace a Laura Zazzara, presidentessa dell’associazione B&B Cagliari e titolare di una struttura: “Già l’estate scorsa, i turisti arrivati non sono stati controllati nei porti e negli aeroporti proprio per motivi di privacy”, spiega la giovane imprenditrice nel settore turistico: “Non vogliamo avere responsabilità su dati medici, non c’è nemmeno lo spazio adatto per poterli archiviare”, osserva. E, sopratutto, la sua più grande paura è legata al fatto di poter avere a che fare con dei vacanzieri positivi al Coronavirus: “Ci sono dei dati che continuano a peggiorare, quelli legati agli ospiti che arrivano e che, poi, risultano positivi al virus. A quel punto dobbiamo badare a loro, visto che i Covid hospital non sono pensati per i vacanzieri”. “Solinas, se vuole davvero portare avanti questa proposta, la organizzi meglio: bene ha fatto il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, a proporre vaccini per tutti gli operatori turistici. Io spero di farlo al più presto”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.