Stavolta l'estate è arrivata con un leggero ritardo. I turisti che avevano scelto la Sardegna per le vacanze a maggio hanno dovuto attendere sino a martedì 10 per godere della bella stagione e fare il primo tuffo in acqua con temperature decisamente estive dopo una settimana di incessante maltempo che ha colpito tutta l'Italia. Vacanzieri arrivati soprattutto dal nord Europa - molti tedeschi, austriaci e francesi, ma anche qualche statunitense - e dalla Spagna, oltre a qualche italiano, hanno fatto capolino già da metà settimana sui litorali più belli dell'Isola, che in questo periodo appaiono ancora poco frequentati con una pressione antropica molto meno intensa di luglio e agosto: dalle lunghe spiagge di Chia a quelle di Costa Rei e dell'Ogliastra, sino ad arrivare nel nord dell'Isola tra Siniscola, San Teodoro, la Costa Smeralda, Stintino e Alghero.
    E dopo qualche ombrellone piazzato qua e là, con l'arrivo dell'anticiclone africano Hannibal nel fine settimana le spiagge si popolano anche dei residenti, tanto che oggi i litorali sono stati presi d'assalto: come al Poetto di Cagliari dove domani è atteso il pienone, o ad Alghero, che inizia a popolarsi di turisti. La stagione non è ancora ufficialmente iniziata e i vacanzieri trovano ancora pochi servizi balneari, ma gli hotel stanno già registrando un boom di prenotazioni per la settimana prossima. In alcuni alberghi sulla costa è già difficile trovare un posto letto libero per la penultima settimana di maggio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.