Seneghe

Denunciate sette persone in mezza Italia

Sette persone sono state denunciate al termine di una indagine dei carabinieri delle stazioni di Seneghe e Marrubiu che ha  consentito di scoprire  40 siti web utilizzati per truffe on-line legate alla vendita di pellet di legno.

Le persone denunciate, tutte residenti nella Penisola, nelle province di Napoli, Caserta, Pisa, Bologna e Milano sono accusate di truffa aggravata e continuata e sostituzione di persona a danno di due cittadini di Seneghe.

L’indagine è partita in seguito alle segnalazioni dei due  privati che hanno raccontato ai carabinieri di aver acquistato il pellet di legno per la stagione invernale, attirati dal basso costo su un sito riconducibile a una azienda specializzata. Hanno versato 1200 euro senza però mai ricevere la merce.

“Il sospetto che si potesse trattare dei siti “fasulli” utilizzati dagli stessi truffatori, lo si aveva da vari particolari – spiega in una nota il comandante del Reparto operativo dei carabinieri di Oristano colonnello Piero Buccolo – quali le caratteristiche grafiche e di impaginazione, l’indicazione nei contatti di numeri di telefono fissi inesistenti e di cellulari intestati a persone extracomunitarie non meglio rintracciabili, indirizzi mail inesistenti, la mancanza di informazioni sulla partita iva e sul diritto di recesso, obbligatorie per legge. Va detto infine che i riscontri incrociati sulle generalità delle persone che avevano richiesto (e pagato) la creazione dei siti “fake” alle società di “hosting web” (aziende da cui è possibile acquistare spazi web) con le informazioni bancarie degli intestatari dei conti correnti sul quale venivano eseguiti i bonifici, hanno consentito l’identificazione degli indagati”.

Si tratta della donna R. C., 45 anni di Castel Volturno sposata, disoccupata  e con diversi precedenti, di P. E. 22 anni di Pozzuoli, anche lui disoccupato, G. M., 49 anni, di Bologna, A. P. un’altra donna  37 anni di Napoli, A. C., 46 anni di Santa Maria Capua Vetere, sempre disoccupato. Ancora, due casalinghe K. P. 49 anni, di Milano e di A. C., 49 anni,  di Milano Pisa. 

Tutti gli indagati sono stati denunciati alla procura della Repubblica di Oristano per truffa aggravata. L’autorità giudiziaria ha disposto l’immediato oscuramento dei siti per evitare la reiterazione del reato. 

Le indagini dei carabinieri sono in corso con l’obiettivo di rintracciare eventuali altre vittime della banda di truffatori.

Mercoledì, 5 gennaio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.