Assoluzioni perché il fatto non sussiste e prescrizioni che hanno però portato alla confisca di 437mila euro alla società Imet. Si è chiuso così il processo sulle presunte irregolarità nei lavori per la posa della fibra ottica in diversi comuni della Sardegna. Nei confronti di tre funzionari della Infratel e della Imet Spa, Nicola Tenaglia, Michele Ragni e Luciano Tracucci, accusati di concussione e truffa, sono cadute le accuse, tutti e tre sono stati assolti  dall’accusa di concussione ai danni di subappaltatori, salvo che nei confronti dell’imprenditore Stefano Piga, che si era costituito parte civile: nel suo caso il reato è stato riqualificato dai giudici in “induzione indebita a dare o promettere utilità” e poi comunque dichiarato prescritto. La Imet invece è stata riconosciuta responsabile dell’illecito amministrativo contestato e dovrà pagare una sanzione pari a 300 quote da 500 euro ciascuna, oltre alla confisca di 437 mila euro che erano stati già sequestrati. Secondo l’accusa, i lavori realizzati sarebbero stati differenti da quelli appaltati in modo da risparmiare con le spese e aumentare il margine di guadagno.

L'articolo Truffa sulla fibra ottica in Sardegna, tre assoluzioni e una maxi confisca proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.