Truffa con un SMS ai danni di un oristanese, denuncia a Milano
Sottratti 2.500 euro. Indagini della Squadra mobile

I truffatori possono colpire anche con un banale sms

Con un messaggio-trappola sul cellulare è riuscito a procurarsi i dati e i codici di accesso al conto Banco Posta di un oristanese, utilizzandoli per per fare a se stesso un bonifico di 2.500 euro. Un pachistano ventenne, residente a Milano, è stato denunciato dalla Squadra mobile della questura di Oristano, diretta da Samuele Cabizzosu, per i reati di accesso abusivo a sistema informatico e frode informatica.

Il cittadino oristanese aveva ricevuto un sms nel quale gli veniva comunicato che dal giorno seguente la sua carta bancomat non sarebbe più stata abilitata ad effettuare transazioni. Nello stesso messaggio c’era, però, un link grazie al quale avrebbe potuto risolvere il problema. Dopo aver cliccato sull’url indicato, l’ignara vittima era arrivata su un “modulo di verifica” che richiedeva i dati e i codici per l’accesso online al suo conto. Ovviamente la pagina web non era controllata da Poste Italiane ma dal truffatore, che con quei dati ha potuto alleggerire il conto di 2.500 euro.

L’oristanese truffato si è però accorto subito dell’inganno e ha sporto denuncia. È intervenuto l’Ufficio antifrode di Poste Italiane, che è riuscito a recuperare la somma sottratta. Il truffatore è stato identificato e deferito all’Autorità giudiziaria.

Dalla questura di Oristano mettono in guardia su un altro tipo di truffa, molto in voga ultimamente, ai danni di persone che pubblicano inserzioni per vendere qualcosa. Finti acquirenti contattano le loro vittime e le convincono a recarsi presso uno sportello bancomat per ricevere il corrispettivo richiesto, con un sistema più veloce rispetto ai canali tradizionali, quali bonifici o ricariche di carte prepagate.  Approfittando dell’inesperienza di tanti inserzionisti, i truffatori li convincono a digitare una serie di numeri sulla tastiera del bancomat, spacciandoli per “codici” da comporre per compiere l’operazione istantaneamente. In realtà questi numeri sono relativi a una carta di credito sulla quale si effettua una ricarica, a spese dell’ingenua vittima.

“È capitato che, con questo sistema, siano state ricaricate più carte prepagate in quanto l’impostore riusciva a far credere alla vittima che l’operazione non era andata a buon fine”, si legge in una nota diffusa dalla Questura. “Per quanto attiene i pagamenti con bonifici tra privati, sempre nell’ambito di vendita on-line di oggetti di seconda mano, accade anche che all’ignaro venditore venga inviata dal truffatore la ricevuta dell’avvenuto bonifico riferito all’importo dell’oggetto messo in vendita, che in realtà si rivela abilmente contraffatta. In tale situazione, il venditore, sicuro dell’incasso e rassicurato dal malfattore in quanto i bonifici fuori piazza prevedono più giorni per la contabilizzazione, spedisce l’oggetto, senza poi in realtà ricevere nulla in cambio”.

Il suggerimento da parte della Polizia di Stato per evitare le truffe è quello di “verificare sempre, tramite il proprio istituto, o quello dal quale dovrebbe provenire il bonifico, l’effettiva autenticità dell’operazione. Nel caso ciò non sia possibile è consigliabile di astenersi dall’inviare la merce”.

“Si consiglia inoltre, nei casi di problemi con il proprio conto corrente o le proprie carte di credito, di non digitare mai i link presenti in messaggi sms o di posta elettronica e di non fornire assolutamente via telefono i codici di accesso alla propria banca on-line”, si legge ancora nella nota. “Per quanto riguarda le transazioni tra privati, si consiglia di non utilizzare mai canali di pagamento alternativi e più rapidi rispetto a quelli tradizionali”.

Giovedì, 13 maggio 2021

L'articolo Truffa con un SMS ai danni di un oristanese, denuncia a Milano sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.