Trovati un fucile e refurtiva: allevatore arrestato a Sardara
Perquisizione dei carabinieri che indagano su un furto dell’estate scorsa

I carabinieri dopo la perquisizione nella casa dell’allevatore arrestato

Un allevatore è stato arrestato questa mattina a Sardara: nascondeva nella sua azienda un fucile con la matricola cancellata e refurtiva varia. I carabinieri della stazione locale, che hanno partecipato all’operazione assieme ai colleghi dei Cacciatori di Sardegna e ad una unità del nucleo cinofili di Cagliari, contestano a  P.S. (65 anni, allevatore del luogo, pregiudicato) l’accusa di detenzione di arma clandestina e ricettazione.

Alle 6 del mattino i carabinieri si sono recati nell’azienda dell’uomo per eseguire un decreto di perquisizione emesso dalla Procura della Repubblica di Cagliari, richiesto dai militari dopo un furto verificatosi la scorsa estate.

Durante i controlli, gli uomini dell’Arma hanno trovato un fucile calibro 9 con matricola limata, 38 cartucce calibro 9 e 13 irrigatori, probabilmente frutto di un furto. L’uomo è stato dichiarato in arresto e dopo le formalità di rito sarà trasferito nel carcere di Uta.

Mercoledì, 7 ottobre 2020

L'articolo Trovati un fucile e refurtiva: allevatore arrestato a Sardara sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.