Gli incidenti sono stati già tanti, alcuni purtroppo mortali. La Ss 554 a Quartu, negli anni, si è rivelata quasi una trappola per alcuni automobilisti. E ora, nei chilometri quartesi, arriva un’importante svolta alla voce sicurezza: tutti gli incroci a raso, infatti, saranno eliminati. Il progetto è ambizioso ma i soldi in cassa ( ben 8,8 milioni di euro) ci sono già, grazie all’approvazione del bilancio triennale avvenuta ieri nell’aula di via Eligio Porcu. L’intervento è uno dei più corposi previsti alla voce “progetti strategici”. Gli operai entreranno in azione, probabilmente, già nel 2022.

 

E l’amministrazione comunale ha deciso di aprire il portafoglio anche per il risanamento igienico sanitario nel centro abitato, comprendente il riordino e la razionalizzazione della rete fognaria, con oltre un milione di euro derivante da fondi pluriennali vincolati, il rafforzamento della capienza del cimitero comunale, pari a 540mila euro di investimento e il risanamento della pineta del Poetto, pari a 300mila euro di investimento.

L'articolo Troppi incidenti e morti, addio agli incroci a raso sulla 554 a Quartu proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.