“Troppe imprese escluse, trovare nuove risorse per il bando (R)esisto”
Il gruppo Progressisti in Consiglio regionale chiede una valutazione sulle perdite effettive

«Anziché pensare a destinare un solo euro alla moltiplicazione delle poltrone negli staff di presidenza e assessorati, la Regione usi le risorse pubbliche per sostenere tutte le imprese e le partite Iva che hanno subito danni dalla pandemia e non hanno potuto partecipare al bando (R)Esisto».

I Progressisti in Consiglio regionale chiedono nuove risorse, perché «ai proclami bisogna far seguire i fatti: con il prossimo assestamento di bilancio abbiamo la possibilità di modificare le criticità di un provvedimento che già dalla sua nascita avevamo definito incompleto».

«L’avviso pubblico a sportello per la concessione di sovvenzioni a favore delle imprese e delle lavoratrici e dei lavoratori autonomi», sottolinea Diego Loi, «non prende in considerazione le esigenze e le condizioni oggettive specifiche di diverse tipologie di imprese che, a seguito della pandemia, hanno subito una notevole perdita e danni ingenti: esclude, a esempio, le imprese costituite dopo il 1° luglio 2019».

Diego Loi, consigliere regionale oristanese del gruppo Progressisti

Continua Loi: «Il provvedimento sarebbe dovuto essere un aiuto per le micro, le piccole e le medie imprese e i lavoratori e le lavoratrici titolari di partita IVA residenti in Sardegna, ma coinvolge solo quelle che hanno subito una riduzione del fatturato superiore al 30 per cento nel periodo compreso tra il 1° marzo 2020 e il 30 giugno 2020, rispetto allo stesso intervallo di tempo del 2019. Esclude, quindi, lavoratori autonomi e imprese costituite dopo il primo luglio 2019 che, pur subendo una perdita consistente causata dalle chiusure successive del 2020, non sono ammesse al beneficio».

L’invito, rivolto all’assessorato al Lavoro, è di «approfondire e apportare le dovute correzioni al bando, con l’obiettivo di non escludere nessuna delle imprese che ha subito pesanti danni a causa della pandemia».

«Altra criticità riguarda la valutazione dei fatturati nei due periodi considerati di alcune tipologie di imprese, determinante per l’erogazione dei contributi ma che giocoforza risultano disallineati», spiega ancora Loi. «Imprese che, per loro natura, come quelle edili, a esempio, hanno dovuto fatturare nel periodo 2020 in acconto l’acquisto dei materiali necessari per la ripresa delle attività dopo il lockdown. Anche in questo caso, non dovrebbero essere escluse a priori: servirebbe una valutazione nel merito della reale consistenza del fatturato e le perdite derivanti dall’assenza di lavoro in quel periodo. Cioè, appunto, quali documenti contabili definiscano il fatturato da mettere a confronto tra i due periodi e calcolare su quello la diminuzione dovuta al blocco delle attività».

Venerdì, 19 febbraio 2021

L'articolo “Troppe imprese escluse, trovare nuove risorse per il bando (R)esisto” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.