Tregua nella battaglia sui Giganti di Mont’e Prama: rinviato il trasferimento
E il sindaco Abis “congela” la presentazione del ricorso al Tar

Una delle statute che dovrebbe essere trasferita a Cagliari

È stato rinviato a data da destinarsi il sopralluogo ispettivo annunciato dalla Soprintendenza di Cagliari per venerdì prossimo 26 febbraio, finalizzato al trasferimento dei reperti archeologici del patrimonio di Mont’e Prama. Con una nota la Soprintendente ha informato il Comune di Cabras che la prossima data verrà resa nota in seguito.

Andrea Abis – Foto Comune di Cabras

“Si tratta di una decisione cauta, considerato il clima di tensione generale che fino a questo momento ha messo a rischio l’ordine pubblico, e che ci consente di proseguire con le trattative in corso”, ha affermato il sindaco Andrea Abis.

“Il momento che stiamo vivendo è molto delicato”, ha proseguito il primo cittadino di Cabras, “poiché si stanno decidendo le sorti del Museo Giovanni Marongiu e si stanno gettando le basi per la realizzazione della Fondazione. A seguito di questa decisione, ho appena stabilito di congelare temporaneamente la presentazione del ricorso al Tar approvato dalla Giunta comunale di stamattina”.

Venerdì, mattina, quindi, dovrebbe riaprire anche il Museo Giovanni Marongiu, chiuso da oltre due settimane, in seguito ad altrettante ordinanze del sindaco Abis emesse per ragioni di ordine pubblico e che sinora di fatto avevano impedito il trasferimento delle sculture.

Mercoledì, 24 febbraio 2021

L'articolo Tregua nella battaglia sui Giganti di Mont’e Prama: trasferimento rinviato sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.