Operazioni messe a segno della guardia di finanza di Iglesias e di Sanluri

CAGLIARI. Altri tre furbetti del reddito di cittadinanza individuati dalla Guardia di finanza a Carbonia, Vallermosa e Sardara. L’attività ispettiva delle Fiamme Gialle, nei primi due casi la tenenza di Iglesias, nel terzo quella di Sanluri, ha permesso di accertare che il primo soggetto controllato (Carbonia) non aveva i requisiti di residenza previsti dalla normativa in materia: difatti è risultato iscritto all’Anagrafe Italiani Residenti all’Estero (Aire) non ottemperando al periodo minimo di due anni di residenza continuativa in Italia all’atto di presentazione della domanda.

Gli gli altri due invece sono risultati aver presentato una dichiarazione sostitutiva unica (il documento con il quale si autocertifica la propria situazione reddituale) nella quale non avevano indicato proventi derivanti da vincite ottenute al gioco online e il cui importo li avrebbe posti in una situazione economica al di fuori dei limiti imposti per la concessione del reddito di cittadinanza.

I soggetti controllati sono stati segnalati sia alla Procura della Re-pubblica di Cagliari per aver indebitamente percepito una somma complessiva pari a quasi 42.000 euro (15.300 euro nel primo caso, 10.794 euro nel secondo e 15.754 nel terzo), che all’Inps per il recupero dell’indebito percepito.(luciano onnis)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.