La vittima è una 83enne. La salma è stata restituita ai familiari

TERRALBA. Tragedia nella serata di oggi, mercoledì 17, a Terralba. Una donna di 83 anni, residente nella zona ovest del paese, in via Petrarca, è morta folgorata a seguito di una scarica elettrica sprigionatasi dal frigorifero. Sono stati i vicini ad accorgersi dell’incidente per il forte rumore proveniente dall'abitazione, e dopo aver inutilmente chiamato la donna, che in quel momento era sola in casa, hanno dato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri della stazione che, dopo aver sfondato la porta, si sono precipitati nell’appartamento trovando però riverso in cucina il corpo della padrona di casa. Inutili i soccorsi pur prestati nel tentativo di rianimare la donna. I vigili del fuoco hanno subito notato i segni della fiammata provenire dalla presa del frigo, e hanno valutato che sia stato proprio l’elettrodomestico a provocare la morte della anziana donna. I carabinieri, dopo un rapido sopralluogo, hanno confermato le cause accidentali della morte della donna e hanno inviato un primo sommario rapporto al magistrato di turno che ha disposto la restituzione della salma ai familiari. I vigili oggi torneranno sul luogo dell’incidente per accertarsi definitivamente se l’origine del cortocircuito sia da attribuirsi all’elettrodomestico oppure alla presa di corrente. questo tipo di incidenti, con conseguenze gravissime non è così raro come può sembrare. Apparecchi vecchi e sistemi elettrici privi di massa a terra possono infatti provocare scariche elettriche come in questo caso mortali.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.