Un business molto redditizio, un giro d’affari da un milione di euro al mese. Cocaina ed eroina, trasportata dalla Lombardia alla Sardegna, in due piazze di spaccio. Una a Cagliari, a Sant’Elia, gestita da Efisio Mura: l’uomo, rinchiuso a Uta da gennaio 2019, è riuscito a “dirigere” il traffico di droga anche da dentro il carcere grazie all’utilizzo di alcuni microcellulari. Inoltre, suo zio Pier Giorgio ha tenuto contatti e rapporti qualificati con alcuni membri della cosca di ‘ndrangheta calabrese Barbaro-Papalia di Platì, operativa a Buccinasco, nel milanese: “Un rapporto che ha dato al gruppo sardo una forza contrattuale e un potere criminale utile a contrattare con altri”, spiega Pasquale Angelosanto, comandante dei Ros. Sono proprio loro ad aver portato avanti, in due anni, serrate indagini, che hanno permesso di portare a 33 ordinanze di custodia cautelare: 18 in carcere, dieci ai domiciliari e cinque con l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.Il secondo gruppo criminale, capeggiato da Umberto Sanna di Guasila, è riuscito ad importare sino a sette chili di cocaina al mese grazie a dei contatti con dei gruppi albanesi e calabresi della Lombardia: “Cocaina pura al novanta per cento, vuol dire che lavorata poteva anche essere triplicata o quadruplicata”. Per trasportarla, l’organizzazione criminale ha potuto contare anche su una coppia di corrieri bergamaschi che hanno finto di venire in vacanza in Sardegna. Le operazioni che hanno portato ai fermi sono state svolte da oltre duecento carabinieri tra Ros, Cacciatori di Sardegna e battaglione mobile.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.