Con l'esecuzione di cinque misure cautelari firmate dal gip del tribunale di Oristano, i carabinieri hanno sgominato una banda - tra cui anche una donna, tutti di Macomer e Bosa - dedita alla produzione, detenzione e spaccio di droga nel centro Sardegna. Una persona è finita in carcere, due agli arresti domiciliari e due con obbligo di dimora. I provvedimenti sono stati notificati dai militari della Compagnia di Macomer in collaborazione con i colleghi di Bosa, Suni e Montresta e con lo squadrone eliportato dei Cacciatori di Sardegna.

Le indagini sono partire nel dicembre 2021 e culminate con il sequestro di stupefacenti per un valore di 8 milioni di euro, occultati in due capannoni di 2mila e 200 metri quadri nella zona industriale di Suni, all'interno di una vecchia distilleria, su un terreno dove si coltivava canapa sativa legale. L'operazione aveva portato a scoprire oltre 689 chili di marijuana, 15,5 kg di polline di cannabis e 2.400 piante essiccate di canapa.

Durante una perquisizione i militari avevano notato un'intercapedine ricavata in una stanza, il cui accesso era protetto da una botola nascosta, utilizzata per la coltivazione. I capannoni erano stati quindi rimpiegati per stoccare e nascondere le infiorescenze già lavorate e pronte alla commercializzazione. "L'attività ha confermato ancora una volta come dietro il 'paravento' della canapa sativa spesso e volentieri si celino attività illegali", spiegano i vertici dei carabinieri che hanno eseguito le ordinanze di custodia. Le analisi della cannabis hanno stabilito che in alcuni campioni la percentuale di thc era compresa tra l'11 e il 20%, ben oltre il limite consentito per la produzione industriale che è inferiore allo 0,2 %. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.