Per 15 anni ha versato fiumi di denaro sul conto di quella che credeva una modella brasiliana, sua fidanzata assolutamente virtuale visto che non l’aveva mai incontrata, Maya alias Valeria Satta di Cagliari. Lei, che per rubare cuore e fiducia di lui gli aveva mandato foto della modella Alessandra Ambrosio fingendo di essere lei, gli raccontava di essere malata di cuore, di aver bisogno di cure costose e di non poter attingere ai suoi conti perché bloccati. Lui, Roberto Cazzaniga, giocatore professionale di Volley, due metri di ingenuità ingigantita da un innamoramento potente e acuito dal fatto di non aver mai visto, in 15 anni, la donna con cui credeva di essere fidanzato. Complice della donna, l’amica del cuore di Roberto, che lo spingeva a versare denaro su quella carta PostePay alimentando amore e speranze dell’innamorato. In 15 anni Cazzaniga, secondo quanto scoperto e raccontato dalle iene, ha versato ben 700mila euro sul conto di Maya-Valeria. Sono stati amici e parenti, oltre che i compagni di squadra preoccupati da una situazione così anomala, ad allertare le Iene, e solo così Roberto si è convinto a raccontare tutto e a denunciare la maxitruffa alla guardia di finanza.

L'articolo “Ti amo ma sono malata e ho bisogno di soldi”: cagliaritana estorce 700mila euro a un pallavolista proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.